4.5 C
Milano
29. 11. 2020 23:58

Gli ospedali si preparano. Galli: «La battaglia di Milano è iniziata»

La pressione sugli ospedali aumenta giorno dopo giorno: la situazione a Milano

Più letti

Bollettino regionale, diminuisce la pressione sugli ospedali: Milano, +386

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 3.203, di cui 287 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (28.434...

Le piste da sci svizzere sono aperte. I milanesi ci provano?

Di aprire le piste da sci in Italia proprio non se ne parla. Tutto sommato i vicini svizzeri le...

Milano si accende tra sobrietà e speranza: in arrivo le luminarie natalizie

Sobrietà e speranza, sono queste le due parole che caratterizzeranno le luminarie natalizie in città in occasione delle prossime...

Il sistema sanitario milanese è sotto stress. La concentrazione di letti Covid più importante è indubbiamente al Sacco, dove il 70% della struttura, circa 300 posti letto sono già stati riconvertiti . «La battaglia di Milano è iniziata», ha affermato il professor Galli.

Altri ospedali. Rispetto alla prima ondata c’è una differenza: i malati di patologie differenti dal Covid continua a recarsi in ospedale. Mentre a marzo la paura li costringeva a casa (determinando anche l’aumento della mortalità di coloro con problemi cardiaci ed altre malattie), oggi si fanno ricoverare nelle strutture. Questo è indubbiamente un segnale positivo, ma concorre ad aumentare la pressione sui presidi sanitari.

Lo scenario è più o meno lo stesso in tutti i grandi ospedali della città. Al Policlinico sono occupati 310 letti, un terzo di quelli disponibili. Al San Raffaele invece sono attivi 226 letti Covid, altri 100 a San Donato e 90 tra Sant’Ambrogio, San Siro e Galeazzi. C’è poi lo sforzo nelle rianimazioni, con 48 persone intubate tra l’ospedale e l’hub in Fiera.

Anche i dati di ieri confermano che ormai la concentrazione dei contagi lombardi sia a Milano. Nella sola giornata di ieri ci sono stati 4.296 positivi solo nel milanese, circa la metà dei contagi totali in Lombardia. «Milano un tempo curava i pazienti di tutta la Regione. Ora la città ha bisogna che succeda il contrario», ha ribadito ancora una volta Galli.

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

La zona arancione non piace ai ristoratori: «Basta, siamo stremati. Torniamo in piazza»

Oggi riaprono i negozi, ma non ancora bar e ristoranti. «Basta, siamo stremati, senza ulteriori aiuti la ristorazione muore»,...

Le piste da sci svizzere sono aperte. I milanesi ci provano?

Di aprire le piste da sci in Italia proprio non se ne parla. Tutto sommato i vicini svizzeri le hanno già aperte. Ma è...

Milano si accende tra sobrietà e speranza: in arrivo le luminarie natalizie

Sobrietà e speranza, sono queste le due parole che caratterizzeranno le luminarie natalizie in città in occasione delle prossime festività. Una scelta voluta dall’Amministrazione,...

La zona arancione non piace ai ristoratori: «Basta, siamo stremati. Torniamo in piazza»

Oggi riaprono i negozi, ma non ancora bar e ristoranti. «Basta, siamo stremati, senza ulteriori aiuti la ristorazione muore», è il grido d’allarme rilanciato...

Cenone a Natale e Capodanno? Il decreto serve l’escamotage

Nel decreto emanato lo scorso 24 ottobre era presente una piccola falla nelle restrizioni legate al mondo della ristorazione. Mentre a bar e ristoranti...

Potrebbe interessarti