0.8 C
Milano
17. 01. 2021 06:46

Le province lombarde tendono la mano a Milano: ospedali verso il picco

La pressione sugli ospedali milanesi non si placa: in arrivo aiuti esterni

Più letti

Covid, panico per la nuova variante brasiliana. Pregliasco: «Ogni variante inquieta, veloci con i vaccini»

Dopo la variante inglese e quella sudafricana, una nuova mutazione del virus preoccupa l'opinione pubblica: si tratta della versione...

Bollettino regionale, riprende la lenta discesa delle terapie intensive: Milano, +365 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 2.134, di cui 114 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

I dubbi del Dpcm: è possibile andare nelle seconde case fuori Regione?

Uno dei principali dubbi del Dpcm appena entrato in vigore resta la possibilità di raggiungere le seconde case. È...

I contagi raggiungono numeri mai visti. Negli ultimi due giorni tra Milano ed il suo hinterland i casi hanno ripetutamente superato quota 4.000.

Dati. Un report dell’Ats metropolitana racconta che Milano, la grande malata di questa seconda ondata, raggiunge numeri mai visti nella prima ondata: sono 350 i nuovi ingressi in ospedale al giorno, dei quali più di 100 nel comune di Milano e più di 150 nei paesi limitrofi.

L’unico dato confortante è quello delle terapie intensive che crescono ad un ritmo più basso rispetto alla prima ondata. Tuttavia aumentano gli accessi di urgenza al pronto soccorso dei Covid hub della città: il Niguarda ed il Sacco sono ormai in seria difficoltà.

Aiuti. Come era avvenuto in senso inverso durante la prima fase della pandemia, ora sono le altre province a tendere la mano a Milano accogliendo nei loro ospedali alcuni pazienti in terapia intensiva o con sintomi più lievi per alleggerire la pressione sugli ospedali della città.

pronto soccorso milano

Le croci dell’area di Brescia sono già state pre-allertate nel caso ci fosse bisogno di fornire ulteriore aiuto. Ieri l’assessore Gallera ha dato mandato alle otto Ats di trovare 1.500 posti per pazienti Covid subacuti e degenze di sorveglianza, riconvertendo letti non Covid e contrattualizzandone di nuovi che oggi «non rientrano nella disponibilità della rete ospedaliera ma garantiscono comunque un’assistenza sanitaria, ad esempio nelle strutture di riabilitazione».

In breve

Milano, la zona rossa non ferma la protesta: gli studenti occupano il liceo Vittorini

Non c'è pace per gli studenti a Milano. La zona rossa ha spento le speranze suscitate dall'ultima sentenza del...

Potrebbe interessarti