0.8 C
Milano
17. 01. 2021 07:41

Il rider ex modello e prof: «Lo faccio per mantenere la mia famiglia. Vogliamo un contratto vero»

Luca Corbetta è uno dei tanti rider ad aver preso parte alle "sei giornate di Milano"

Più letti

Covid, panico per la nuova variante brasiliana. Pregliasco: «Ogni variante inquieta, veloci con i vaccini»

Dopo la variante inglese e quella sudafricana, una nuova mutazione del virus preoccupa l'opinione pubblica: si tratta della versione...

Bollettino regionale, riprende la lenta discesa delle terapie intensive: Milano, +365 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 2.134, di cui 114 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

I dubbi del Dpcm: è possibile andare nelle seconde case fuori Regione?

Uno dei principali dubbi del Dpcm appena entrato in vigore resta la possibilità di raggiungere le seconde case. È...

Luca Corbetta,38 anni, è uno dei tanti rider che ha aderito alle cosiddette “sei giornate di Milano” sostenendo le rivendicazioni del collettivo Deliverance di cui fa parte. Dal 2015 la bicicletta è il suo strumento di lavoro nonostante parli 4 lingue e sia stato modello ed insegnante di danza per lungo tempo. Tutto ciò per i propri cari: «La famiglia la vedo poco, con questi ritmi. Ma è l’unico modo per mantenerli arrivare a fine mese»

La protesta. «Abbiamo fatto saltare le consegne, ritiravamo ai ristoranti il cibo ma non lo facevamo arrivare ai clienti. Oppure spiazzavamo l’algoritmo dandoci presenti fino a un secondo dopo l’ordine, poi sparivamo. Il sistema non può prescindere da noi, è andato in tilt — racconta —. Eravamo nelle piazze della città, italiani e stranieri, fisicamente insieme. Per la prima volta con la sensazione di contare qualcosa».

I rider in questa ultima settimana stanno combattendo per ottenere migliori condizioni di lavoro e rispedire al mittente il nuovo contratto siglato tra Ugl  e Assodelivery, che li inquadrerebbe come lavoratori autonomi, ma senza particolari garanzie. «Mancano le ferie, la malattia, la tredicesima, una garanzia in caso di licenziamento. E a conti fatti il compenso è addirittura ridotto rispetto al sistema a cottimo», spiega Luca in un’intervista al Corriere.

Il sogno è quello di un contratto vero. Nel frattempo Just Eat ha annunciato che dal prossimo anno inquadrerà i fattorini come dipendenti e domani si attende un tavolo di confronto con la ministra del lavoro Nunzia Catalfo.

In breve

Milano, la zona rossa non ferma la protesta: gli studenti occupano il liceo Vittorini

Non c'è pace per gli studenti a Milano. La zona rossa ha spento le speranze suscitate dall'ultima sentenza del...

Potrebbe interessarti