2 C
Milano
20. 01. 2021 07:01

Primo giorno di “Decreto Ponte”: ecco cosa cambia a Milano

Tutte le nuove restrizioni che interesseranno il capoluogo meneghino in questo primo giorno di zona gialla rafforzata

Più letti

Martina Luoni, la “Milanese del 2020”, si racconta: «Sto provando a vincere il buio»

«Buongiorno a tutti, per chi non mi conoscesse sono Martina, ho 26 anni e tre anni fa mi è...

Bollettino regionale, meno di 1.000 contagi in Lombardia: Milano, +139

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 930, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Il declassato Gallera torna in consiglio: «Sto recuperando le mie energie psico-fisiche»

Gallera torna in consiglio regionale per la prima volta nel 2021 e lo fa da semplice consigliere. Tra gli...

Primo giorno di “Decreto Ponte“: inizia così la fase di transizione che porterà fino al 15 gennaio, data in cui dovrebbe essere emanato un nuovo Dpcm. Che cosa cambia da oggi a Milano?

Zona gialla rinforzata. Oggi e domani, 8 gennaio, la Lombardia insieme a tutte le altre regioni d’Italia sarà zona gialla, ma con alcuni restrizioni in più rispetto alla norma.

Resterà attivo il coprifuoco tra le 22 e le 5, ma saranno vietati gli spostamenti fuori regione se non per comprovate esigenze lavorative e motivi di necessità. Non saranno consentiti neanche gli spostamenti verso le seconde case fuori regione.

Riaprono negozi e centri commerciali, così come riapriranno i battenti bar e ristoranti fino alle ore 18.

Mobilità. I nuovi orari di Milano per permettere il rientro a scuola in sicurezza slittano all’11 gennaio, data stabilita dal Governo per la ripartenza delle scuole superiori.

decreto ponte milano

Con la riapertura delle scuole poi, entro le 8 entreranno in classe il 40% degli studenti ed entro le 9.30 il restante 10%, per consentire poi progressivamente il rientro in classe del 75% degli studenti, suddiviso rispettivamente in 50% e 25%.

I negozi non alimentari (ad esclusione di edicole, tabacchi, farmacie e parafarmacie) apriranno alle 10,15, i servizi alla persona, così come quelli bancari, assicurativi e finanziari, potranno aprire dopo le 9,30.

Per quanto riguarda le aziende, le attività produttive del settore manifatturiero dovranno anticipare l’orario di inizio entro le ore 8, mentre gli atri settori, in particolare quelli amministrativi, direzionali e di consulenza, apriranno dopo le 9,30.

I professionisti potranno ricevere i clienti dopo le 10, preferibilmente su appuntamento. Le università saranno invitate ad iniziare le lezioni in presenza dalle 10.

Continueranno invece a restare sospese Area B e Area C.

8 gennaio. Domani invece il monitoraggio dell’Iss stabilirà le nuove fasce di rischio per la prossima settimana. Infatti dopo un weekend in zona arancione si tornerà alla classificazione per colori.

In breve

MIlano, all’asilo di via Massaua si battono i denti: condizioni inaccettabili per i genitori dei piccoli alunni

«Nella scuola di mio figlio c’erano appena 3 gradi: bambini e maestre dovevano indossare tutto il tempo sciarpa e...

Potrebbe interessarti