3.4 C
Milano
19. 01. 2021 20:10

San Siro, da tempio del calcio a tempio della natura: il progetto “green” dell’architetto Angelo Renna

L'architetto Angelo Renna ha presentato un progetto per trasformare San Siro in un memorial per le vittime del Covid

Più letti

Bollettino regionale, meno di 1.000 contagi in Lombardia: Milano, +139

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 930, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Il declassato Gallera torna in consiglio: «Sto recuperando le mie energie psico-fisiche»

Gallera torna in consiglio regionale per la prima volta nel 2021 e lo fa da semplice consigliere. Tra gli...

Movida Delivery, dalla voglia di greco alle quiche di Knam

Con i ristoranti chiusi, non resta che ordinare le prelibatezze offerte da Milano direttamente a casa. Ecco la selezione...

Una nuova proposta giunge sul tavolo di Palazzo Marino relativo al “restyling” di San Siro. Si tratta di un progetto assolutamente diverso da quelli presentati fino ad adesso il quale vedrebbe la conversione della “Scala del calcio” in un monumento in memoria delle vittime di coronavirus. A presentarlo l’architetto fiorentino Angelo Renna.

Il progetto. Secondo l’idea di Renna sarà al 100 % green: ben 35.000 cipressi verranno piantati sugli spalti creando così un enorme anello verde a cielo aperto con tanto di pozze acquifere e percorsi naturali.

All’interno della cornice arborea ci saranno musei, centri educativi e atelier per studenti e ricercatori. L’interno si trasformerebbe così in un luogo attivo dove coltivare la memoria e favorire l’iterazione tra l’uomo e l’ambiente.

Ovviamente per ora il progetto è solo una suggestione difficilmente realizzabile date le trattative in corso tra le società di Inter e Milan ed il Comune. Tuttavia la decisione finale spetterà a Palazzo Marino.

I commenti. Il progetto rimbalzato su alcune testate non ha particolarmente entusiasmato gli utenti della rete. «Ho da tempo la sensazione che “Memorial” sia la password che molti studi di architettura utilizzino per far leva sulle emozioni ancora calde, con l’obiettivo di farsi approvare progetti e budget – ha commentato un lettore – .Ci aveva provato Renzo Piano con la sua versione del ponte Morandi, un inquietante candelabro di asfalto e cemento in nome delle vittime, ora tocca a San Siro. La morte fa parte della vita e bisogna semmai lavorare per prevenirla e rimandarla il più possibile. Basta con questi inquietanti memorial!».

 

 

In breve

MIlano, all’asilo di via Massaua si battono i denti: condizioni inaccettabili per i genitori dei piccoli alunni

«Nella scuola di mio figlio c’erano appena 3 gradi: bambini e maestre dovevano indossare tutto il tempo sciarpa e...

Potrebbe interessarti