14 C
Milano
29. 09. 2020 10:33

San Siro, da tempio del calcio a tempio della natura: il progetto “green” dell’architetto Angelo Renna

L'architetto Angelo Renna ha presentato un progetto per trasformare San Siro in un memorial per le vittime del Covid

Più letti

L’ennesima lezione di Re Giorgio

La settimana della moda appena trascorsa rimarrà nella storia come quella del tentativo di ripartenza dopo la rivoluzione del...

Salvo il parchetto di Bresso, rinnovata l’area di via Papa Giovanni XXIII

Bresso si riappropria del parchetto di via Papa Giovanni XXIII. L’area avrebbe potuto essere espropriata per eseguire lavori di...

Come ti reinvento l’impensabile: i voti del FantaMunicipio #4

Non arrendersi all'abbandono e insistere per il recupero del dismesso, creatività, passione: ingredienti che Milano conosce benissimo. Come ti reinvento...

Una nuova proposta giunge sul tavolo di Palazzo Marino relativo al “restyling” di San Siro. Si tratta di un progetto assolutamente diverso da quelli presentati fino ad adesso il quale vedrebbe la conversione della “Scala del calcio” in un monumento in memoria delle vittime di coronavirus. A presentarlo l’architetto fiorentino Angelo Renna.

Il progetto. Secondo l’idea di Renna sarà al 100 % green: ben 35.000 cipressi verranno piantati sugli spalti creando così un enorme anello verde a cielo aperto con tanto di pozze acquifere e percorsi naturali.

All’interno della cornice arborea ci saranno musei, centri educativi e atelier per studenti e ricercatori. L’interno si trasformerebbe così in un luogo attivo dove coltivare la memoria e favorire l’iterazione tra l’uomo e l’ambiente.

Ovviamente per ora il progetto è solo una suggestione difficilmente realizzabile date le trattative in corso tra le società di Inter e Milan ed il Comune. Tuttavia la decisione finale spetterà a Palazzo Marino.

I commenti. Il progetto rimbalzato su alcune testate non ha particolarmente entusiasmato gli utenti della rete. «Ho da tempo la sensazione che “Memorial” sia la password che molti studi di architettura utilizzino per far leva sulle emozioni ancora calde, con l’obiettivo di farsi approvare progetti e budget – ha commentato un lettore – .Ci aveva provato Renzo Piano con la sua versione del ponte Morandi, un inquietante candelabro di asfalto e cemento in nome delle vittime, ora tocca a San Siro. La morte fa parte della vita e bisogna semmai lavorare per prevenirla e rimandarla il più possibile. Basta con questi inquietanti memorial!».

 

 

In breve

Martina De Santis racconta “gli atomici fotonici”, il nuovo corto con Giovanni Storti

Si chiama “Gli atomici fotonici” il nuovo corto realizzato da MINIFILMLAB, un progetto dedicato ai giovani filmaker con la...

Salvo il parchetto di Bresso, rinnovata l’area di via Papa Giovanni XXIII

Bresso si riappropria del parchetto di via Papa Giovanni XXIII. L’area avrebbe potuto essere espropriata per eseguire lavori di rinforzo degli argini della sponda...

Come ti reinvento l’impensabile: i voti del FantaMunicipio #4

Non arrendersi all'abbandono e insistere per il recupero del dismesso, creatività, passione: ingredienti che Milano conosce benissimo. Come ti reinvento l’impensabile: i voti del FantaMunicipio...

Vaccini antinfluenzali, corsa contro il tempo: la fondazione Gimbe attacca la Regione

La fondazione Gimbe va all'attacco della Regione sulla delicata questione dei vaccini antinfluenzali. Un suo ultimo studio rivela che «la Lombardia, con le scorte...

Dall’impiantistica alla comunicazione: la selezione delle offerte di lavoro sul territorio

A cercare lavoro possono essere non solo neolaureati e professionisti, ma anche i manager. «Facile per loro» penserà qualcuno. Vero, ma non del tutto:...

Potrebbe interessarti