11.1 C
Milano
23. 10. 2021 03:50

Scuola, il Manzoni di nuovo occupato: «Troppe verifiche dopo la DAD»

Gli studenti protestano per il carico didattico estenuante dopo la ripartenza

Più letti

Questa mattina subito dopo il suono della campanella alcuni studenti del liceo Manzoni hanno occupato il giardino dell’Istituto di via Orazio a Milano. Il motivo è il carico di lavoro e soprattutto verifiche troppo imponente da quando sono ritornati sui banchi in aula. È stato esposto dal Collettivo Politico Manzoni uno striscione piuttosto eloquente: «Non siamo sfaticati, siamo affaticati».

«Didattica a distanza per bocciarci in presenza»

È questa la denuncia degli studenti, che non si identificano più nella scuola post DAD. «Al rientro dopo il periodo di Dad al 100 per cento tutti ci stiamo ritrovando a dover sostenere un finissimo calendario di interrogazioni e verifiche. Pretendiamo che in presenza ci si confronti e si socializzi, non che il tempo venga sprecato a mettere voti – spiegano i promotori. – L’unica prospettiva che ci viene proposta è quella di una scuola utile solo a mettere voti, rimandare, mettere note e bocciare, noi non ci stiano più».

Al momento si sta tenendo un’assemblea e l’occupazione proseguirà con dibattiti su temi come famiglia, eutanasia, polizia, politically correct.

In breve

Alla Triennale c’è “Refocus”, la pandemia raccontata da 40 giovani fotografi

La pandemia raccontata dagli scatti fotografici di 40 giovani fotografi: fino al 21 novembre negli spazi della Triennale di...