12.7 C
Milano
19. 04. 2021 22:47

Seveso, i comitati “No vasca” accusano il cantiere per l’incremento dell’inquinamento atmosferico

Nell'area di Bresso la concentrazione delle polvere sottili è pericolosamente aumentata: i motivi

Più letti

Non c’è tregua tra gli attivisti del comitato “No Vasca” di Bresso ed i cantieri per la realizzazione della nuova vasca di laminazione del Seveso. Al centro delle ultime proteste il peggioramento della qualità dell’aria della zona, che ha raggiunto preoccupanti concentrazioni di Pm10 e Pm 2,5.

La situazione. Nelle ultime due settimane i lavori del cantiere si sono intensificati. Sono stati realizzati enormi cumuli di terra a circa 30 metri dai palazzi del Supercondominio, dal civico 37 al 43, di via Papa Giovanni XXIII.

vasca contenimento seveso

La causa dell’inquinamento atmosferico sarebbe causata dal continuo via vai dei camion. «Siamo decisamente preoccupati per le polveri sottili presenti nella zona. – precisa Matilde Minella, portavoce del comitato “No Vasca”, che si oppone con forza alle vasche di laminazione in arrivo sul territorio – Le polveri sottili con i relativi alti valori di Pm10 sono legate agli scavi, allo spostamento e all’accumulo della terra. C’è una collina appunto di terra che corre lungo il corso del Seveso e sotto le nostre finestre. Le Pm2,5 derivano invece dal traffico intenso dei mezzi nel cantiere»

Martedì scorso il comitato No Vasca ha depositato un esposto alla Procura di Milano, contro Regione Lombardia per rivalutare l’impatto ambientale della vasca sull’area e sulla salute dei cittadini.

In breve

Milano, torna Cattelan: da luglio una mostra all’Hangar Bicocca

Maurizio Cattelan torna in mostra in Italia con una grande retrospettiva progettata per gli spazi del Pirelli Hangar Bicocca...