4.2 C
Milano
22. 01. 2021 20:28

“Stanze degli abbracci” per permettere agli anziani delle Rsa di rivedere i propri cari

Approvato in consiglio regionale un ordine del giorno che potrebbe consentire nuovamente le visite nelle Rsa: i dettagli

Più letti

Da domenica Lombardia in zona arancione

Da domenica la Lombardia tornerà in zona arancione. Lo ha certificato l’Istituto superiore di Sanità dopo una rettifica dei...

Bollettino regionale, torna a scendere il tasso di positività: Milano, +203 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.969, di cui 112 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Salvini: «Zona rossa in Lombardia? Siamo davanti ad un sequestro di massa»

Un nuovo capitolo nella saga sulla zona rossa tra Regione e Governo. Spunta l'ipotesi di un errore di invio...

Nel pomeriggio di ieri il Consiglio Regionale ha approvato un ordine del giorno del consigliere Carlo Borghetti, il quale richiedeva in sostanza la riapertura ai parenti delle Rsd, le residenze per persone con disabilità, e delle Rsa, le residenze per anziani.

Prospettiva. Il Pirellone si è impegnato così a riaprire le strutture alle visite. Lo farà attraverso test rapidi da effettuare in ingresso e tramite la creazione di alcune “stanze degli abbracci”, ovvero delle camere sterili dove i parenti dotati di dispositivi di sicurezza e di tutte le precauzioni del caso potranno rivedere i propri cari.

visite RSA

«Lo considero un regalo di Natale alle famiglie, vista la situazione attuale: Regione Lombardia potrà dare il via libera alle Rsa affinché aprano alle visite dei parenti degli ospiti – ha commentato Borghetti -. Con il nostro ordine del giorno la Regione dovrà dare indirizzo alle strutture protette della Lombardia di riaprire alle visite dei parenti, in sicurezza, utilizzando i tamponi rapidi e implementando così le linee guida che il Ministero della Salute ha emanato solo poche ore fa».

 

 

In breve

Covid, lo sfogo di Balotelli: «Questa è una gestione onesta? L’Italia sta degradando per colpa di pochi»

Il "bad boy" del calcio italiano Mario Balotelli non è solito esprimere giudizi sulla società e sulla politica, ma...

Potrebbe interessarti