27.1 C
Milano
17. 09. 2021 19:09

La linea dura di Sterilgarda: senza vaccino lavoratori a casa senza stipendio

Il "diktat" imposto dalla nota azienda alimentare

Più letti

Sterilgarda, azienda di  Castiglione delle Stiviere nell’alto Mantovano, è il quarto produttore di latte in Italia. Nei suoi stabilimenti lavorano all’incirca 350 lavoratori, i quali potrebbe essere sospesi dalle proprie mansioni in caso non si sottoponessero al vaccino. Infatti l’amministrazione ha deciso di utilizzare il pugno duro contro i dipendenti “no green pass” o “no vax”.

Sterilgarda, la lettera ai dipendenti

L’amministrazione ha inviato una lettera ai propri dipendenti in cui comunica che coloro che non si sono ancora sottoposti al vaccino verranno demansionati. Nel caso in cui non fosse possibile un ricollocamento, verranno invece lasciati a casa senza stipendio fino alla ripresa dell’attività lavorativa.

La decisione di Sterilgarda è diventata virale in poche ore con immediatamente la galassia “No green pass” pronta a dar battaglia sui social.

«Non è detto — ha spiegato al Corriere un legale dell’azienda alimentare — che si debba effettivamente arrivare alla sospensione dal lavoro, ma è una delle opzioni che sono sul tavolo e che verranno prese in considerazione prima di settembre, alla ripresa del lavoro dopo le ferie».

Sterilgarda per ponderare al meglio la decisione e garantire il diritto al lavoro, ma anche il diritto alla salute, ha avviato un tavolo di confronto con le rappresentanze sindacali e il medico del lavoro. L’azienda però, come scrive nella lettera inviata, è convinta che «la sottoposizione alla vaccinazione costituisce anche uno strumento etico di rispetto e tutela dei lavoratori e delle loro famiglie».

In breve

Green Pass, Pregliasco: «Meglio l’obbligo vaccinale»

Mentre il green pass è stato esteso anche ai lavoratori del privato, c'è chi chiede misure più severe da...