23.6 C
Milano
07. 08. 2020 10:59

Un sentenza del Tar potrebbe bloccare i monopattini a Milano

Il Tar ha accettato il ricorso di Lime, una delle aziende escluse dagli appalti relativi ai monopattini. Si rischia uno stop del servizio

Più letti

Atti desecretati, spunta il documento su Alzano e Nembro: il Cts aveva richiesto l’instaurazione della zona rossa

Nella giornata di ieri sono stati desecretati gli atti del Comitato Tecnico Scientifico riguardanti le riunioni relative alla gestione...

La Regione non cede al Governo: l’ordinanza sui mezzi pubblici resta in vigore. Si viaggia a capienza piena

Lo scorso 31 luglio Regione Lombardia aveva emanato un'ordinanza che ripristinava la capienza al 100% per i treni ed...

Decreto Agosto, stop ai licenziamenti se le imprese usufruiscono della Cig

Molto probabilmente quest'oggi verrà approvato il nuovo Decreto Agosto. Uno dei temi più dibattuti degli ultimi giorni è stato...

Nel panorama di una Milano sempre più green i monopattini si stanno rilevando un’alternativa valida all’utilizzo dei mezzi pubblici, soprattutto per quanto riguarda la percorrenza del cosiddetto “ultimo miglio“. Tuttavia una sentenza del Tar potrebbe bloccare improvvisamente il servizio di sharing a Milano.

I fatti.  Tutto sorge dal ricorso di Lime, una delle tante aziende che partecipò al bando del Comune per ottenere un appalto nella fornitura della flotta di monopattini cittadini. All’epoca Lime non vinse il bando, ma presentò ricorso in quanto definì il processo di selezione  del Comune discriminante: le aziende vincitrici erano state scelte semplicemente perché avevano presentato precedentemente la domanda. Insomma ci si è attenuti al principio di “chi prima arriva meglio alloggia”.

La sentenza del Tar ha dato ragione a Lime, e tale decisione potrebbe bloccare l’intero servizio in attesa della definizione di un possibile nuovo bando. «Ho chiesto all’avvocatura e ai dirigenti di approfondire la sentenza e di definire le modalità della sua attuazione – ha spiegato l’assessore alla Mobilità, Marco Granelli -. Il mio auspicio è che il monopattino possa continuare ad essere utilizzato  e che la presenza di più operatori possa favorire innovazione e qualità. Del resto la procedura contestata è una manifestazione di interesse  e non un affidamento di un servizio».

In breve

Rossana Casale, Grazia di Michele e Mariella Nava: “Cantautrici” pronte ad incantare l’Arena Milano Est

Il 30 agosto le "Cantautrici", Rossana Casale, Grazia di Michele e Mariella Nava calcheranno il palco dell'Arena Milano Est....

La Regione non cede al Governo: l’ordinanza sui mezzi pubblici resta in vigore. Si viaggia a capienza piena

Lo scorso 31 luglio Regione Lombardia aveva emanato un'ordinanza che ripristinava la capienza al 100% per i treni ed il trasporto pubblico. Nonostante le...

Decreto Agosto, stop ai licenziamenti se le imprese usufruiscono della Cig

Molto probabilmente quest'oggi verrà approvato il nuovo Decreto Agosto. Uno dei temi più dibattuti degli ultimi giorni è stato il blocco dei licenziamenti con...

Asili nido, la Regione stabilisce la riapertura il 1° settembre

«Le attività dei servizi educativi (0-3 anni) per la prima infanzia possano riprendere a partire dal 1° settembre 2020», ad annunciarlo il presidente della...

Desecretati gli atti del Cts: nonostante il comitato chiedesse misure differenziate per regioni, Conte decretò il lockdown

Da giorni le opposizioni al Governo e il Copasir chiedevano che fossero desecretati gli atti riguardanti il Cts prodotti all'inizio della pandemia. Oggi sono...

Potrebbe interessarti