-0.5 C
Milano
27. 01. 2021 08:22

“Tempesta” fiscale in arrivo: i commercialisti chiedono al Governo una nuova proroga dei versamenti

Dal prossimo 20 luglio si attende un ingorgo fiscale: le classiche scadenze di contribuzione andranno a sommarsi a quelle rimandate durate il lockdown

Più letti

Bollettino regionale, le terapie intensive scendono sotto quota 400: Milano, +169 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.230, di cui 59 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Powercoders, l’integrazione e la formazione: a Milano un’accademia per i rifugiati

Dopo Torino sbarca a Milano il progetto Powercoders. Si tratta di un'accademia di programmazione informatica riservata ai rifugiati perchè...

Una “nuova” Giulia Molino: «La motivazione è tutto»

Giulia Molino è stata tra le protagoniste assolute dell'ultima edizione di Amici, conquistando il secondo posto. La pandemia le...

È in arrivo una “tempesta” fiscale. Secondo un calcolo del Sole 24 ore a partire dal 20 luglio fino a fine mese saranno 246 le scadenze fiscali per i contribuenti. Il motivo? Quelle rimandate durante il lockdown si andranno a sommarsi alle normali scadenze del periodo. Insomma un vero e proprio ingorgo fiscale che ha spinto i commercialisti a chiedere un nuovo rinvio fino al 30 settembre.

Rinvio. Il presidente del Consiglio Nazionale dei Commercialisti, Massimo Miani, ha inviato una lettera al premier Conte e al ministro dell’Economia Gualtieri affermando «come urgente priorità di tutti gli oltre 118 mila iscritti al nostro Ordine professionale» la richiesta di proroga al 30 settembre del termine per i versamenti relativi alle dichiarazioni dei redditi e dell’Irap 2020.

A fare eco ai commercialisti anche la Confcommercio che parla di «una richiesta obbligata».

Tuttavia la sospensione dei versamenti di marzo, aprile e maggio ha prosciugato le casse dell’Erario, il quale ha perso nei primi 5 mesi dell’anno circa 22 miliardi di entrate tributarie. Proprio per questa ragione è difficile ipotizzare una nuova proroga.

 

In breve

La pandemia non ferma il ricordo: domani si celebra il Giorno della Memoria

La pandemia non ferma il ricordo. E così domani, pur senza appuntamenti in presenza, si celebra comunque il Giorno...

Potrebbe interessarti