18.2 C
Milano
19. 09. 2021 19:42

“Tempesta” fiscale in arrivo: i commercialisti chiedono al Governo una nuova proroga dei versamenti

Dal prossimo 20 luglio si attende un ingorgo fiscale: le classiche scadenze di contribuzione andranno a sommarsi a quelle rimandate durate il lockdown

Più letti

È in arrivo una “tempesta” fiscale. Secondo un calcolo del Sole 24 ore a partire dal 20 luglio fino a fine mese saranno 246 le scadenze fiscali per i contribuenti. Il motivo? Quelle rimandate durante il lockdown si andranno a sommarsi alle normali scadenze del periodo. Insomma un vero e proprio ingorgo fiscale che ha spinto i commercialisti a chiedere un nuovo rinvio fino al 30 settembre.

Rinvio. Il presidente del Consiglio Nazionale dei Commercialisti, Massimo Miani, ha inviato una lettera al premier Conte e al ministro dell’Economia Gualtieri affermando «come urgente priorità di tutti gli oltre 118 mila iscritti al nostro Ordine professionale» la richiesta di proroga al 30 settembre del termine per i versamenti relativi alle dichiarazioni dei redditi e dell’Irap 2020.

A fare eco ai commercialisti anche la Confcommercio che parla di «una richiesta obbligata».

Tuttavia la sospensione dei versamenti di marzo, aprile e maggio ha prosciugato le casse dell’Erario, il quale ha perso nei primi 5 mesi dell’anno circa 22 miliardi di entrate tributarie. Proprio per questa ragione è difficile ipotizzare una nuova proroga.

 

In breve

Milano, la nuova Arena Santa Giulia a rischio: il ricorso al Tar preoccupa il Comune

Poche settimane fa è stato presentato il progetto finale per la nuova Arena Santa Giulia che dovrà essere completata...