0.6 C
Milano
17. 01. 2021 23:46

Torre Milano, una casa contro il virus

Il grattacielo che sorgerà alla Maggiolina si contraddistingue per tutta una serie di innovazioni tecnologiche utili anche a contrastare il virus

Più letti

L’offensiva della Moratti: «Il Governo sospenda per 48 ore la zona rossa»

Nuova offensiva della vicepresidente della Regione Lombardia, Letizia Moratti, che ha chiesto formalmente al Governo di sospendere per 48...

Bollettino regionale, il trend non subisce variazioni: Milano, +167 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.603, di cui 115 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

«L’unica speranza è che Conte muoia», il cartello choc in un negozio a Cernusco

«L’unica speranza è che Conte muoia», è la scritta riportata su un cartello esposto sulla porta d'ingresso di Dominelli,...

Il coronavirus ha indubbiamente cambiato le nostre abitudini, ma potrebbe cambiare anche le nostre abitazioni. Un esempio concreto è rappresentato dalla Torre Milano che sta sorgendo in via Stresa nel quartiere Maggiolina. Tutti i 105 appartamenti del grattacielo sono dotati di un impianto di sanificazione dell’aria.

Il funzionamento. A capo del progetto della Torre Milano c’è l’impresa Rusconi. L’innovativo sistema di aerazione utilizzato per gli appartamenti è preso direttamente in prestito dal settore aerospaziale. La tecnologia utilizzata prende il nome di Pco e sfrutta il processo di ossidazione che avviene in natura mediante la fotocatalisi.

Attraverso l’azione combinata di raggi ultravioletti, dell’umidità dell’aria e di alcuni metalli nobili presenti in natura l’impianto genera molecole di perossido di idrogeno, ovvero acqua ossigenata, la quale è in grado di uccidere virus, batteri e muffe presenti nell’aria. Non è solo un ottimo antidoto contro i microrganismi, ma anche contro il celebre PM10, cancro ormai consolidato dell’aria milanese.

«Da quel che ci risulta, Torre Milano è il primo edificio in Italia per cui viene pensata una soluzione del genere — ha raccontato un soddisfatto Stefano Rusconi, consigliere delegato dell’impresa costruttrice —. Dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus abbiamo pensato a modi per migliorare le nostre abitazioni, sia per quanto riguarda la rifunzionalizzazione degli spazi sia per la salubrità degli ambienti».

Free cooling. Gli inquilini potranno anche scegliere se installare la modalità free cooling, una sorta di pulizia speciale da effettuare dopo le visite. L’aria viene vaporizzata negli ambienti con una pressione maggiore in modo da sanificare anche le superfici. Dall’impresa Rusconi promettono che sarà come respirare aria di montagna stando comodamente in città.

 

 

 

In breve

Zona rossa, quali negozi restano aperti?

La Lombardia è entrata in zona rossa e lo rimarrà fino alle fine del mese, sentenze del Tar permettendo....

Potrebbe interessarti