rifiuti
rifiuti

Manifestazioni, biciclettate, raccolta firme per dire no al trituratore di rifiuti speciali (materiali edili) che Demid srl intende costruire a Cernusco sul Naviglio. I cittadini si sono organizzati in comitati contro l’impianto che dovrebbe sorgere in località Fornace, una zona che confina con i comuni di Bussero e Cassina de Pecchi, a pochi passi da abitazioni e da un asilo. Sulla stessa linea ci sono i sindaci dei due paesi, Elisa Balconi e Curzio Rusnati, così come Legambiente Martesana.

 

I recenti rapporti di (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale) e Ats (Agenzia di Tutela della Salute) dicono inoltre che l’impianto, così come è progettato, provocherebbe eccessive polveri e inquinamento acustico. Problemi che secondo le due agenzie la Demid dovrebbe affrontare installando un nebulizzatore e una barriera fonoassorbente, per poi effettuare dei test con il trituratore in funzione.

Inoltre, per Arpa «il quantitativo stimato di rifiuti trattati è superiore rispetto agli spazi e alle dimensioni dell’impianto stesso». Questo aspetto potrebbe bloccare tutto, perché per Demid un ridimensionamento renderebbe il progetto non più economicamente appetibile. Arpa ha chiesto a Città Metropolitana, che avrà l’ultima parola, di rivedere le valutazioni della Demid srl. Secondo il comitato “No trituratore” anche il passaggio continuo di camion che trasportano i materiali provocherebbe l’aumento di smog e rumori.

Lo scorso settembre si è tenuta la conferenza dei servizi nella sede di Città Metropolitana per valutare l’impatto ambientale con tutti i soggetti coinvolti. Cassina de’ Pecchi e Bussero hanno detto di non essere contrari all’impianto in sé, ma al suo posizionamento in quella zona. Legambiente valuta con favore una nuova piattaforma per riciclare questi rifiuti che potrebbero essere riutilizzati ad esempio per realizzare fondi stradali, purché costruita lontana dalle abitazioni. L’unica voce non contraria al progetto finora è quella del sindaco di Cernusco Ermanno Zacchetti (Pd), anche se si è reso disponibile al confronto con tutte le parti interessate.


www.mitomorrow.it