7.9 C
Milano
15. 04. 2021 07:18

Vaccini, il sistema di prenotazioni fa acqua: falle e cancellazioni

La Regione ha "licenziato" Aria per affidarsi a Poste Italiane: nel frattempo continuano a susseguirsi errori nelle prenotazioni

Più letti

Bollettino regionale Covid: tasso di positività al 4,2%, intensive -6, ricoveri -138, decessi +85

I positivi al Covid-19 riscontrati nelle ultime 24 ore in Lombardia sono 2.153 con la percentuale tra tamponi eseguiti...

L’industria musicale: «Via libera al calcio? Una farsa»

«Se è possibile accedere in uno stadio con 16mila persone per il calcio deve essere possibile anche per un...

Il giorno del vaccino: cronaca di un’esperienza diretta

Non solo code chilometriche di anziani ammassati in fila, magari sotto la pioggia, per ricevere il vaccino contro il...

Il sistema di prenotazione per i vaccini ideato dall’azienda regionale Aria fa acqua da tutte le parti, tanto che la stessa Regione ha deciso di avvalersi della piattaforma di Poste Italiane. Però affinché il transfer sul nuovo sistema avvenga sono necessarie circa tre settimane e nel frattempo gli errori continuano a susseguirsi uno dietro l’altro.

Falle. L’ultimo in ordine cronologico riguarda una signora 85enne che dopo diversi giorni di attesa aveva finalmente ricevuto il fatidico SMS con luogo e orario della somministrazione. Improvvisamente pochi minuti dopo l’appuntamento viene cancellato. «A causa di un problema tecnico abbiamo inviato un messaggio con informazioni non corrette. Seguirà nel più breve tempo possibile un nuovo messaggio di invito», si legge sul nuovo messaggio ricevuto dall’anziana incredula.

Non è l’unica ad aver subito un trattatamento del genere. Il motivo? «Un problema di agende e di slot disponibili» spiegano dall’assessorato alla Sanità, senza dare ulteriori precisazioni.

Tra giovedì e ieri è emersa anche un’altra falla. Due dei tre canali disponibili permetterebbero di registrare chiunque per il vaccino, non solo gli appartenenti alle categorie che ora hanno la precedenza. Il «filtro» è attivo nel portale dedicato ai cittadini, ma sarebbe saltato in quello dei farmacisti e dei medici di famiglia.

La strada per la campagna vaccinale resta lunga e certi disguidi non sono certamente ammissibili se si vogliono raggiungere gli obiettivi prefissati. Finora sono 567 mila i nonni lombardi che hanno già chiesto di essere protetti dal Covid sui circa 726 mila totali. Dal 18 febbraio a ieri in 101.574 hanno ricevuto la prima dose.

In breve

Maran: «Prorogare gratuità dell’occupazione del suolo pubblico per tutto il 2021»

«Ribadisco che è fondamentale che il Governo proroghi la gratuità dell'occupazione suolo pubblico per tutto il 2021 con i...