4.5 C
Milano
29. 11. 2020 23:49

La voglia di pollo non si ferma neanche ai tempi del Covid: Giannasi “sold out”

Giannasi è un piacere irrinunciabile anche in tempi di Covid: le immagini

Più letti

Bollettino regionale, diminuisce la pressione sugli ospedali: Milano, +386

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 3.203, di cui 287 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (28.434...

Le piste da sci svizzere sono aperte. I milanesi ci provano?

Di aprire le piste da sci in Italia proprio non se ne parla. Tutto sommato i vicini svizzeri le...

Milano si accende tra sobrietà e speranza: in arrivo le luminarie natalizie

Sobrietà e speranza, sono queste le due parole che caratterizzeranno le luminarie natalizie in città in occasione delle prossime...

Certe abitudine sono dure a morire. Lo sanno bene i clienti dello storico chiosco Giannasi che anche quest’oggi, nonostante zona rossa e restrizioni, non hanno voluto mancare all’appuntamento settimanale con il loro succulento pollo. Come ogni sabato una lunga coda di avventori, distanziati ed ordinati, hanno atteso pazientemente il proprio turno per godere delle prelibatezze del baracchino di Porta Romana.

Il signore dello spiedo. Dietro al banco come sempre Dorando Giannasi. Forse con qualche capello bianco in più, ma sempre con la stessa grinta di quando aprì il suo chiosco in Piazza Buozzi nel lontano 1967.

giannasi milano

Nonostante il Covid gli affari non sembrano subire una particolare flessione come dimostrato anche dalla coda odierna. Centinaia di volatili venduti ogni giorno, senza poi contare tutto il resto: crocchette, olive, polpette, patate, trippa, cannelloni, risotto, puntarelle.

«Amo pensare che questa ricetta regali piacere al palato dei nostri clienti – aveva affermato Giannasi in un’intervista di qualche mese fa -, ma al contempo li faccia sentire bene anche di testa. Sono giorni drammatici, magari una gustosa mangiata serve a riportare un po’ di serenità. E poi apprezzo anche il fatto che il nostro pollo allo spiedo è richiesto in tutta Milano, senza distinzione di quartiere. Insomma è democratico e accomuna le persone»

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

La zona arancione non piace ai ristoratori: «Basta, siamo stremati. Torniamo in piazza»

Oggi riaprono i negozi, ma non ancora bar e ristoranti. «Basta, siamo stremati, senza ulteriori aiuti la ristorazione muore»,...

Le piste da sci svizzere sono aperte. I milanesi ci provano?

Di aprire le piste da sci in Italia proprio non se ne parla. Tutto sommato i vicini svizzeri le hanno già aperte. Ma è...

Milano si accende tra sobrietà e speranza: in arrivo le luminarie natalizie

Sobrietà e speranza, sono queste le due parole che caratterizzeranno le luminarie natalizie in città in occasione delle prossime festività. Una scelta voluta dall’Amministrazione,...

La zona arancione non piace ai ristoratori: «Basta, siamo stremati. Torniamo in piazza»

Oggi riaprono i negozi, ma non ancora bar e ristoranti. «Basta, siamo stremati, senza ulteriori aiuti la ristorazione muore», è il grido d’allarme rilanciato...

Cenone a Natale e Capodanno? Il decreto serve l’escamotage

Nel decreto emanato lo scorso 24 ottobre era presente una piccola falla nelle restrizioni legate al mondo della ristorazione. Mentre a bar e ristoranti...

Potrebbe interessarti