18.2 C
Milano
19. 09. 2021 18:08

Quindici volte Yogafestival Milano

La kermesse si divide su due weekend, in presenza e online

Più letti

Torna l’appuntamento con Yogafestival Milano che quest’anno celebra i quindici anni che lo hanno reso il primo e più autorevole evento di yoga in Italia e in Europa.

Quindici volte Yogafestival Milano

Quella al via il 3 ottobre sarà un’edizione speciale, divisa su due fine settimana e in due “location”: il 3-4 e il 10-11 ottobre, live al SuperstudioPiù di via Tortona 27 e online sui canali social di YogaFestival.

Un format nuovo pensato per continuare a garantire, nel massimo rispetto delle disposizioni anti-pandemia, quell’esperienza di pratica coinvolgente, fruibile e di alta qualità che negli anni ha conquistato un pubblico sempre più numeroso, di praticanti, neofiti o semplici curiosi.

«YogaFestival Milano è nato come evento divulgativo, per far conoscere a quante più persone possibile i benefici che questa pratica millenaria può regalare – sottolinea Giulia Borioli, Presidente e Fondatrice di YogaFestival –. Mai come quest’anno, in un momento di ripensamento globale della nostra società e del nostro modus vivendi, sentiamo l’importanza di mostrare quanto lo Yoga possa aiutarci a costruire nuovi equilibri.

Quello che noi già sappiamo e che vogliamo far vedere, soprattutto ora, è che lo yoga può aiutare in tanti modi a superare gli aspetti più aspri della nuova situazione che stiamo vivendo: attraverso la pratica, insieme e a distanza; con strategie per «vedere» se stessi in una vita diversa ma sempre preziosa e interessante; offrendo gli strumenti per provare a ri/nascere per ri/trovarsi e re/inventarsi migliori».

Il tema

E sarà proprio “Ri/nascere” il tema che i diciotto ospiti, fra i grandi nomi dello yoga italiano, declineranno nelle pratiche e negli incontri proposti. Ecco qualche numero: 24 workshop proposti nelle quattro giornate di Yoga, in classi rigorosamente su prenotazione che non ospiteranno più di sessanta persone.

Due new entry come Sangeeta Laura Biagi, che unisce allo yoga anni di studio in India presso l’ICYER e l’approfondimento della pratica del suono, del movimento, dell’arte e che proporrà una classe di Nada Yoga dove il suono, la vibrazione, la musica e la consapevolezza fisica sono strumenti per ristabilire l’equilibrio e l’armonia tra corpo, mente e spirito; Charlotte Lazzari, insegnante di Odaka Yoga, che proporrà l’unica freeclass live del Festival, in collaborazione con Freddy e rigorosamente su prenotazione.

Infine, le Freeclass che offriranno lezioni per tutti i livelli: gratuite e senza necessità di prenotazione (basterà collegarsi al sito yogafestival.it, comodamente da casa).

ypga
yoga

In breve

Milano, la nuova Arena Santa Giulia a rischio: il ricorso al Tar preoccupa il Comune

Poche settimane fa è stato presentato il progetto finale per la nuova Arena Santa Giulia che dovrà essere completata...