0.8 C
Milano
16. 01. 2021 06:24

Alberto Oliva ci porta alla scoperta delle BiograVie, le grandi vite di Milano

Lo spettacolo diretto da Alberto Oliva torna in una versione online: «Una grande vita in qualche parte del mondo diventa una via»

Più letti

#Ioapro, primo video da un ristorante di Milano: balli, musica e tavoli pieni. Il video

La fronda dei ristoratori che hanno annunciato l'apertura serale nonostante i divieti, corre per l'Italia ma non decolla. Gli...

Zona rossa, Fontana: «Faremo ricorso». La replica di Sala: «Qualcosa non torna nelle mosse della Regione»

I dati del monitoraggio Iss hanno confermato tutte le ipotesi: la Lombardia entrerà ufficialmente in zona rossa domenica. Nonostante...

Chi apre? I ristoranti riaccendono le insegne: al via la “rivolta” di #ioapro

Com’è ormai consuetudine nell’era digitale, tutto è nato sui social. In pochi giorni un tam tam che si è...

BiograVie torna a fACTORy32 con un nuovissimo adattamento pensato appositamente per essere trasmesso in streaming conciliando la tecnologia e la magia del palcoscenico. Un modo per rialzare il sipario e guardare oltre l’emergenza reso possibile dal connubio tra il teatro di via Watt e Kebi, piattaforma per la realizzazione di eventi in crowdsourcing e crowdfunding.

Da stasera alle 21.00 fino al 4 dicembre il pubblico potrà così assistere allo spettacolo interpretato da Carlo Decio e diretto dal regista Alberto Oliva che spiega: «Serve una visione diversa da quella del primo lockdown. L’online non può essere visto come un ripiego, fino al vaccino non si tornerà alla normalità quindi vale la pena sperimentare cose nuove».

Cosa cambia rispetto alla versione classica?

«Lo spettacolo racconta la storia di un vagabondo alla scoperta dei personaggi che danno i nomi delle vie di Milano. Lo abbiamo registrato in teatro perché la matrice teatrale deve rimanere, ma abbiamo aggiunto immagini girate lungo le strade deserte della città. Il prodotto così è un ibrido che unisce il teatro e quella voglia di viaggiare che si ha quando ci si trova davanti a uno schermo».

Cosa scopriremo delle vie di Milano?

«Sveliamo i nomi delle fermate della metropolitana. Tipo Gambara o Corvetto che non è un piccolo corvo, ma un personaggio. Altre vie da scoprire sono via Massimiliano Kolbe e via Pippa Bacca».

Lo streaming affiancherà il teatro anche in futuro?

«Sono convintissimo che sarà così. Sarà uno strumento per diffondere il teatro in maniera più capillare e avvicinare nuovo pubblico. Non va vista come una minaccia perché nulla sostituirà il piacere di andare a teatro. Un esempio è la prima della Scala, trasmessa in tv da anni».

Da stasera alle 21 a venerdì 4 dicembre
Prezzo 8,50 euro
Info su kebi.events

In breve

#ioapro sbarca a Milano: il Don Lisander da domani riapre le porte

La protesta dei ristoratori #ioapro arriva a Milano. Uno dei protagonisti della mobilitazione sarà il Don Lisander, storico locale...

Potrebbe interessarti