5.3 C
Milano
29. 11. 2022 05:07

Sold-out per Alfa al Fabrique: «Dove tutto è iniziato»

L'artista: «Milano è intraprendente, una notte qui può cambiarti la vita»

Più letti

Arriva Alfa al Fabrique. Con oltre 350 milioni di stream alle spalle, il giovane cantautore si esibirà domenica – dalle 20.30 – per la tappa milanese del Bentornati a Wanderlust tour, in una location tutta esaurita: qui presenterà in anteprima il nuovo singolo 5 Minuti (Artist First), disponibile su tutte le piattaforme a partire da lunedì.

Sbarca Alfa al Fabrique

Partiamo da un fatto: 5 minuti è il brano che avresti dovuto presentare alle audizioni di Sanremo Giovani.
«Sono rimasto deluso dal fatto di esser stato squalificato senza cantare. Purtroppo a causa di problemi di salute, non mi sono potuto recare a Roma. Del resto, Sanremo Giovani basa tutto sulla performance dal vivo, non si sarebbero potute trovare soluzioni alternative con la tecnologia».

Di cosa parla?
«Di quanto sarebbe bello, quando sogniamo qualcuno che ci manca, avere cinque minuti in più per poter continuare a stare insieme».

Torni ad esibirti sul palco che diede inizio a tutto nel 2020.
«Era il 30 gennaio quando tenni il mio primo concerto. Due anni dopo, ci sarà ancora la massima capienza con 3.100 biglietti venduti: per me è un grande segnale, anche a livello personale».

Ovvero?
«All’epoca ero più inconsapevole, oggi sento di voler far questo nella vita. Sarà un live più curato in ogni aspetto, diviso in quattro concept, come le quattro stagioni, che rispecchiano l’idea del passare di un anno, ma in un’ora e mezza».

Ci sarà anche SNAP?
«Non solo canterò la mia versione, ma proveremo a portare anche Rosa Linn sul palco, dato che sarà in Italia in questi giorni».

Hai 1 milione di follower su TikTok. Perché, secondo te, piace tanto questo social?
«Per la sua potenza comunicativa. Ha reso meritocratico il mio settore, dato che concede quelle chance a chi, come me, si è privato di talent televisivi per eccessiva timidezza. Con Cin Cin, nel mio caso, si è creato quel passaparola che mi ha permesso di farmi conoscere, senza manager e senza etichetta, ed arrivare al triplo disco di platino».

E Milano?
«Ho comprato casa qui tre settimana fa, prima ero un pendolare tra Milano e Genova. Ho scelto zona Washington perché la trovo tranquilla ed elegante: all’inizio, però, mi spaventava questa città, ma poi ho imparato ad amarla. La sua intraprendenza ti porta a pensare che una notte qui può cambiarti la vita».

In breve

FantaMunicipio #11: proposte per la città, ripensiamole tutti insieme

Sempre più cittadini si ritrovano in strada per discutere delle problematiche di alcune aree e per cavarne fuori idee...