11.8 C
Milano
25. 10. 2020 09:42

Chiara Galiazzo al Ride presenta l’album Bonsai

«Quella gavetta passata allo Zog»

Più letti

Milano, il Covid rende il liceo Manzoni sempre più esclusivo

Il liceo Manzoni di Milano è sempre stato una delle scuole più esclusive della città, ma da quando è...

Tra le polemiche il Giro d’Italia arriva a Milano. Il campione Nizzolo: «Per me è un pezzo di cuoere»

Milano gli ha dato i natali, la Brianza lo ha fatto diventare un ciclista. E non uno qualsiasi. Un...

Le Regioni stoppano il Dpcm: «No ai ristoranti chiusi alle 18.00»

Quello che sembrava ormai un nuovo Dpcm pronto è diventato un terreno di scontro aperto tra Governo e Regioni....

Per Chiara Galiazzo quello di domenica sera al Ride sarà l’unico concerto, in programma fino ad ora, di presentazione del suo lavoro di inediti Bonsai – pubblicato lo scorso luglio – il quarto in carriera dopo la sua vittoria ad X Factor Italia nel 2012, diverse partecipazioni sanremesi e tante certificazioni discografiche.

Chiara Galiazzo al Ride presenta l’album Bonsai

Quanto ti è mancato il live?
«Dobbiamo essere ottimisti e prudenti: il futuro della musica dipende dal comportamento di tutti, questo momento ha evidenziato le fragilità nascoste di ogni settore. Sta a noi oggi rimediare e rendere quello della musica un vero e proprio settore lavorativo, non come hobby come solito fare».

Manchi tanto dai palchi.
«Per me è stato difficile rinunciare, però una sera passata al Ride ad agosto mi ha acceso la speranza».

Cosa è successo?
«Ho assistito allo svolgersi di un concerto all’aperto, in totale sicurezza, con un palco grande e spazioso. Mi sono detta “Ok, lo posso fare anche io”».

Farlo a Milano ha un sapore speciale.
«È la città che mi ha adottato, dove mi sono trasferita da Padova ormai 12 anni fa per studiare in Cattolica. Ho cambiato diverse case – dalle Colonne fino ai Navigli, dove abito ora – ma mai zona, anche se tendo ad essere piuttosto abitudinaria».

Qui hai trascorso il lockdown?
«Sì. La quarantena è stata dura per tutti, ma chi l’ha passata in zona Navigli come me, ha sentito di essere in un quartiere letteralmente presidiato per i tanti controlli che c’erano. Credo che la vera quarantena sia stata la nostra».

Milano ti convince ancora?
«L’ho vista cambiare molto negli anni. Rispetto a Padova mi ha dato la consapevolezza di poter ottenere tutto quello che volevo anche solo varcando la soglia di casa: in zona tutti mi conoscono come quella che andava per locali (in particolare lo Zog) con microfono e asta per poter cantare anche solo un paio di brani a sera. Quella gavetta mi è servita molto ed oggi ne sono ancora più consapevole».

27 settembre alle 20.30
Ride Milano
Via Valenza 2Milano
Biglietti: 23 euro su dice.fm

Chiara Galiazzo
Chiara Galiazzo

In breve

Tra le polemiche il Giro d’Italia arriva a Milano. Il campione Nizzolo: «Per me è un pezzo di cuoere»

Milano gli ha dato i natali, la Brianza lo ha fatto diventare un ciclista. E non uno qualsiasi. Un...

Tra le polemiche il Giro d’Italia arriva a Milano. Il campione Nizzolo: «Per me è un pezzo di cuoere»

Milano gli ha dato i natali, la Brianza lo ha fatto diventare un ciclista. E non uno qualsiasi. Un professionista, un campione, un vincitore Che...

Le Regioni stoppano il Dpcm: «No ai ristoranti chiusi alle 18.00»

Quello che sembrava ormai un nuovo Dpcm pronto è diventato un terreno di scontro aperto tra Governo e Regioni. I governatori, infatti, hanno scritto...

In arrivo il nuovo Dpcm: ristoranti chiusi alle 18

Il governo sta definendo in queste ore il nuovo Dpcm. Ecco quali sono le novità previste nel nuovo testo di legge. Bar e ristoranti. «A...

Bollettino regionale, ancora numeri da record in Lombardia: Milano, +1.010

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.956, di cui 279 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (32.749 oggi) e positivi che sale all’...

Potrebbe interessarti