-3 C
Milano
19. 01. 2021 06:19

Il ritorno di Edoardo Bennato: «Le mie canzonette senza tempo»

Edoardo Bennato pubblica Non c’è, otto inediti insieme ai grandi successi

Più letti

A Milano iniziano a fioccare le multe dopo la fronda dei ristoratori di #ioapro

I titolari e i clienti che hanno infranto le regole lo scorso venerdì aderendo alla campagna #ioapro non la...

Fontana: «Tra stasera e domani il ricorso. Sono convinto che la Lombardia sia arancione»

Il governatore Fontana torna ad attaccare il governo sulla questione zona rossa. «I nostri avvocati hanno predisposto il ricorso...

Prese in ostaggio una guardia giurata nel Duomo: l’esito della perizia psichiatrica

Mahmoud Elhosary, il 26enne che quest'estate, il 12 agosto scorso, fece irruzione al Duomo prendendo in ostaggio una guardia...

«Cerco di trovare il modo che queste canzonette, o canzonacce come mi piace definirle, vengano ascoltate». Così Edoardo Bennato presenta Non c’è, il nuovo progetto discografico tra grandi successi ed inediti, pubblicato nei digital store e in formato fisico.

Il nuovo album. «Non c’è – racconta Bennato – si sfoglia come un quotidiano che uscirà domani mattina e si legge come il manifesto della realtà, con tutte le schizofrenie che viviamo nel bene e nel male, sull’orlo del baratro e nella nostro lotta quotidiana, qui si riassume tutto il Bennato-pensiero».

Nella tracklist dell’album sono quindici i brani di repertorio che hanno decretato il successo del cantautore partenopeo dopo oltre 50 anni di carriera, tra cui Feste di piazza, Italiani, L’isola che non c’è, Le ragazze fanno grandi sogni, Mangiafuoco e Perché, il featuring con Morgan.

Tra i singoli scelti c’è anche Bravi ragazzi, «un brano estremamente attuale, anche nel verso “una di notte, c’è il coprifuoco”, sono questi i pezzi che si contestualizzano sorprendentemente con il presente, rimbalzando nei titoli dei telegiornali e diventando le cantilene di questi giorni».

Tra le tracce dell’album anche otto inediti, tra cui La realtà non può essere questa, scritto a quattro mani con il fratello Eugenio e presentato durante il lockdown dello scorso marzo, e Uomo nero, il flow condiviso con Clementino.

«Spero che il covid ci aiuti a capire certi meccanismi che, per indolenza e preconcetti, ci rifiutiamo di comprendere. Quello che dobbiamo sconfiggere sono le differenze tra la parte privilegiata e quella penalizzata del mondo: il divario economico e sociale è tale e tanto da creare problemi a tutta l’umanità».

In breve

Scuola, non solo i licei: zaini e striscioni contro la DAD anche alle medie

Zona rossa significa che gli studenti di seconda e terza media da oggi tornano a fare didattica a distanza....

Potrebbe interessarti