3.2 C
Milano
03. 12. 2020 18:11

Il ritorno di Ensi: «La mia nuova visione è oggi»

Ensi pubblica il nuovo EP: «Milanese da dieci anni, con Torino sempre presente»

Più letti

Le cartoline di Natale dei ragazzi dello Ied per essere diversamente “positivi”

Dare una nuova e ulteriore accezione alla parola positivo, ovvero essere contagiosi ma in modo diverso rispetto a quanto...

“Aquile randagie”, un documentario per ricordare il gruppo ribelle di scout milanesi

Nel gennaio 1927 Mussolini decretò lo scioglimento dei reparti scout, affidando la disciplina muscolare dei giovani italiani all'Opera Barilla....

Milano, senza pendolari i treni regionali diventano terra di nessuno: ubriachi e senza mascherina. Il video

La situazione di degrado sui treni regionali è preoccupante. Senza impiegati e studenti costretti a casa dalle restrizioni dell'ultimo...

A distanza di un anno dall’ultima pubblicazione, Ensi torna a scrivere una nuova pagina dell’hip hop italiano con il nuovo EP dal titolo Oggi, già anticipato da Specialist, brano prodotto da Gemitaiz. Nel nuovo progetto – disponibile in download e streaming da oggi – anche tre inediti, tra cui i featuring con Dani Faiv e Giaime.

Il ritorno di Ensi è “oggi”

Perché proprio Oggi?

«Oggi è parte della mia nuova visione, il primo capitolo del mio nuovo progetto. Il titolo allude al concept del tempo, all’evoluzione inevitabile che si attua. Sicuramente oggi non è il momento migliore per un’uscita discografica, più che altro perché si perdono le fasi successive, come la promozione live, ma voglio sfruttare questo momento per pensare alla musica».

Tra i brani spicca 090320, la data di inizio del lockdown.

«Non volevo che questo momento tristemente rivoluzionario per tutti non trovasse almeno un riferimento nel mio EP. Non parla proprio del lockdown ma è stato scritto in quel periodo, lo stesso che mi ha portato ad un momento in cui ho scavato dentro me stesso per scovare gli asset migliori dal punto di vista musicale e personale».

Cosa ti ha spinto a passare nuovamente a una indipendente?

«Mi considero una mosca bianca nel rap italiano. Arrivo da una storia fatta di passaggi discografici di vario tipo: dall’autoproduzione più selvaggia, alle grandi e piccole indipendenti, alla major con cui ho pubblicato 3 dischi in 5 anni. Mi servivano più flessibilità e padronanza della mia arte, sono sicuro che sia stata la scelta migliore».

ensi oggi

In quale zona di Milano hai scelto di vivere?

«Abito nel quartiere Martesana, in cui mi sento a casa, ma sono anche a un’ora e mezza da Torino, vicino alla mia terra d’origine».

Ti senti ancora legato?

«Nonostante siano passati ormai dieci anni da quando mi sono trasferito qui, continuo sempre a fare riferimento a Torino anche a distanza, proprio per rimarcare il lavoro e il dispiego di energie nei confronti della città, che peraltro mi è sempre stato riconosciuto. Per fare musica Milano ha la lente di ingrandimento puntata, è decisamente favorevole abitare qua perché il business, musicale e non, è qui».

 

In breve

Le cartoline di Natale dei ragazzi dello Ied per essere diversamente “positivi”

Dare una nuova e ulteriore accezione alla parola positivo, ovvero essere contagiosi ma in modo diverso rispetto a quanto...

“Aquile randagie”, un documentario per ricordare il gruppo ribelle di scout milanesi

Nel gennaio 1927 Mussolini decretò lo scioglimento dei reparti scout, affidando la disciplina muscolare dei giovani italiani all'Opera Barilla. Un gruppo di scout tutto...

Milano, senza pendolari i treni regionali diventano terra di nessuno: ubriachi e senza mascherina. Il video

La situazione di degrado sui treni regionali è preoccupante. Senza impiegati e studenti costretti a casa dalle restrizioni dell'ultimo Dpcm, i vagoni si sono...

Milano, Sant’Ambrogio rivive sui muri della città

Tra pochi giorni si celebrerà il santo patrono di Milano, Sant'Ambrogio. La città ha voluto omaggiarlo con un grande murales in fase di completamente...

Dopo 74 anni il ritorno a casa: ritrovato lo stemma del museo Poldi Pezzoli

Il Museo Poldi Pezzoli riabbraccia il monumentale stemma gentilizio Poldi Pezzoli realizzato in bronzo dall'artista lombardo Lodovico Pogliaghi, tra il 1875 e il 1880. Il...

Potrebbe interessarti