10.7 C
Milano
31. 10. 2020 03:06

La fotografia torna protagonista a Milano: al via il Photofestival 2020

Al via l'edizione 2020 del Photofestival: tutte le novità

Più letti

Bollettino regionale, numeri sempre più preoccupanti: Milano, +1.607

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 8.960, di cui 356 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti (46.892 oggi)...

Milano, i sovranisti si prendono la piazza: «La pandemia è una boiata»

Oggi pomeriggio alle 17 sotto la prefettura di Milano andrà in scena la manifestazione organizzata dal "Comitato Italia Libera"...

Milano, una “book’s guerilla” contro la didattica a distanza

L' "artivista" Cristina Donati Meyer torna a colpire a Milano con una nuova opera. La street artist ha realizzato...

Al via la 15^ edizione di Photofestival, in programma dal 7 settembre al 15 novembre. L’evento promosso e organizzato da AIF – Associazione Italiana Foto & Digital Imaging, realizzato in collaborazione con Confcommercio Milano e patrocinato da Comune di Milano e Regione Lombardia, prevede 140 mostre fotografiche in oltre due mesi di programmazione con un palinsesto diffuso che abbraccia l’intera Città Metropolitana di Milano fino ad arrivare a coinvolgere Lecco, Monza, Pavia e Varese.

La presentazione della rassegna

«Nei momenti e nelle situazioni più difficili della storia la fotografia, o meglio, le storie per immagini raccontate dai fotografi hanno svolto un ruolo centrale per documentare, sensibilizzare e stimolare la rinascita – ha detto Marco Di Lernia, Presidente di AIF – . E questa 15ª edizione rappresenta, per la città di Milano, un’occasione di ripartenza che AIF è orgogliosa di poter condividere».

Fatto riconosciuto anche dall’assessore alla Cultura del Comune di Milano Filippo Del Corno intervenuto durante la conferenza stampa: «Se devo trovare una parola pensando al vostro festival, mi viene in mente caparbietà, caparbietà con la quale avete raggiunto questo obiettivo. Ora occorrono fiducia e cautela per sostenere la ripresa e non vanificare gli sforzi fatti».

photofestival milano

«Il titolo dell’edizione 2020  “Scenari, orizzonti, sfide. Il mondo che cambia” si è imprevedibilmente rivelato essere il grande tema di questo momento storico, che ha lasciato un segno indelebile nelle nostre vite, modificando approcci e percezioni – ha dichiarato il direttore artistico del festival Roberto Mutti, che ha poi aggiunto – Nonostante le molte difficoltà, l’organizzazione di Photofestival ha prodotto una rassegna all’altezza delle aspettative, grazie al prezioso lavoro svolto con gli operatori culturali, i galleristi, i musei, gli autori che hanno creduto nel progetto, arricchendo il palinsesto dal punto di vista numerico e qualitativo».

Alla fine della conferenza sono stati assegnati 2 premi Aif: alla carriera a Nino Migliori (classe 1926) e alla nuova fotografia ad Angelo Azzalone.

Tra le novità di questa edizione si segnala “la mappa del tesoro fotografico”, nuovo strumento digitale utile per potersi orientare in città e personalizzare il proprio percorso di visita alle esposizioni ed il premio “Le immagini rilegate per il miglior libro fotografico dell’anno” ideato da Photofestival per mettere a confronto le diverse realtà di questo prodotto editoriale.

Il programma

La manifestazione spazierà come sempre tra personali e collettive di autori di fama internazionale, fotografi professionisti e talenti emergenti, proponendo generi molto vari: dal ritratto allo still-life, dallo sport alla natura, dalla ricerca alla fotografia di viaggio.

Da segnalare due importanti collettive:

  • Sguardi a fior di Pelle”, dal 5 al 25 ottobre al Centro Culturale di Milano, realizzata in collaborazione con l’azienda farmaceutica Giuliani, raccoglie un panorama di importanti autori italiani e internazionali che si sono misurati dalla seconda metà dell’Ottocento a oggi con i più diversi generi fotografici, raccontando in parallelo la capacità di ogni sistema produttivo di trasformarsi. Tra gli autori in mostra: Giorgio Sommer, Luigi Chierichetti, Josef Sudek, Gianni Berengo Gardin, Roberto Polillo, Mario Giacomelli, Luigi Ghirri, Franco Fontana, Nino Migliori.
  • Il rigore dello sguardo” dall’1 al 15 ottobre a Palazzo Castiglioni, reduce da un’esposizione a Parigi, raccoglie opere dell’archivio della Fondazione 3M realizzate in epoche diverse da autori famosi (Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Ferruccio Leiss, Gianni Borghesan, Piergiorgio Branzi, Franco Fontana, Federico Vender, Elio Luxardo) e da altri più giovani.

Tutte le informazioni e il calendario delle mostre sono reperibili direttamente sul sito.

In breve

Milano, una “book’s guerilla” contro la didattica a distanza

L' "artivista" Cristina Donati Meyer torna a colpire a Milano con una nuova opera. La street artist ha realizzato...

Milano, i sovranisti si prendono la piazza: «La pandemia è una boiata»

Oggi pomeriggio alle 17 sotto la prefettura di Milano andrà in scena la manifestazione organizzata dal "Comitato Italia Libera" che si farà portavoce a...

Milano, una “book’s guerilla” contro la didattica a distanza

L' "artivista" Cristina Donati Meyer torna a colpire a Milano con una nuova opera. La street artist ha realizzato un murales in zona Navigli...

Renato Zero senza freni: «Chi dice che la cultura non dà da mangiare è uno stronzo»

Renato Zero ha lanciato un appello per sostenere i lavoratori del mondo dello spettacolo, uno dei settori più colpiti dalla crisi generata dal Covid. Le...

Il loro punto di vista: insieme a Mi-Tomorrow un viaggio nel mondo studentesco ai tempi del Covid

Ribaltare il punto di vista. Il nostro. Di noi che questo lavoro lo facciamo ogni giorno provando a raccontare quello che succede in ogni...

Potrebbe interessarti