3.4 C
Milano
10. 12. 2022 09:48

Gianluca Grignani celebra La Fabbrica di Plastica: «Una nuova rivoluzione al Fabrique»

Il cantautore ripresenta l'album di rottura del 1996

Più letti

Sarà un concerto speciale quello che Gianluca Grignani ha preparato per il Fabrique di Milano domenica 16 ottobre. Un live per celebrare La Fabbrica di Plastica, album del 1996, che all’epoca spiazzò critica e pubblico ma che oggi si rivela un simbolo di indipendenza musicale. E la venue del Fabrique non è casuale, ma scelta con cura per rendere l’evento più accessibile, sia in termini di prezzo che di esperienza. E Grignani avverte: «Potrei stupirvi!».

Gianluca Grignani torna al Fabrique con La Fabbrica di Plastica

La Fabbrica di Plastica and Only The Best è un concerto che hai fortemente voluto. Come mai?

«Si è vero, è un concerto che ho fortemente voluto io, ma soprattutto chi insieme a me ci ha creduto sin dall’inizio. Evidentemente il tempo mi ha dato ragione».

Hai insistito molto per fare un concerto che fosse accessibile a tutti, anche economicamente.

«Ho ritenuto importante scegliere una location che permetta di avere meno costi e, di conseguenza, di abbassare i prezzi dei biglietti. La Fabbrica di Plastica è stato sempre un disco della gente e voglio che rimanga tale anche in versione live».

Per La Fabbrica di Plastica è un ritorno al futuro questo live. Cosa rappresenta oggi per te quell’album?

«Sarà un ritorno al futuro per un disco che cambia il passato e torna dagli anni ‘90 più attuale che mai. Quell’album era e continua ad essere la mia rivoluzione».

All’epoca, l’album spiazzò la critica e il pubblico. Oggi, riguardandoti indietro, quale credi sia stato l’elemento di rottura principale del progetto?

«La dura verità di cui ho parlato chiaramente espressa dalle sonorità dure e distorte del disco».

Tra tutti i brani della tracklist a quale sei più legato?

«Li sento tutti estremamente miei!».

L’1 ottobre hai ricevuto la Targa MEI proprio per La Fabbrica di Plastica.

«Mi ha confermato che 25 anni fa seguire il mio istinto è stata la cosa più giusta».

Com’è stato per te rimaneggiare questi brani e dare loro nuova vita per questo live?

«Riuscire a ricreare il sound aggressivo e rivoluzionario che contraddistingue il disco La Fabbrica di Plastica è stato un tuffo nel passato molto stimolante che mi ha aiutato anche a rendermi conto del mio lungo percorso artistico».

E quanto e in cosa è cambiato il Gianluca Grignani cantautore dal 1996?

«Lo lascio dire agli altri».

Come piazza per questa festa hai scelto Milano. C’è un motivo particolare dietro questa scelta?

«Non c’è un motivo specifico, ma Milano è pur sempre casa mia».

Oltre ai brani de La Fabbrica di Plastica, quale canzone per te non può mancare nella scaletta?

«Sul mood dei miei grandi classici potrei stupirvi».

Domenica 16 ottobre, alle 21.00

Fabrique

Via Fantoli 9

Biglietti: da 34,50 euro su ticketone.it

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...