17.3 C
Milano
27. 10. 2021 18:25

Giulia Penna torna con Leo Pari: «Superstiti d’amore»

Si rinnova in musica la collaborazione tra Leo Pari e Giulia Penna: «Anche dopo forti litigi, il vero sentimento sopravvive sempre»

Più letti

Parla di «un amore un pò più viscerale e meno leggero, contrastato tra amore e odio, fiducia e non fiducia» Superstiti, il nuovo singolo di Giulia Penna. Dopo Savana, continua il sodalizio con Leo Pari: «Lavorare con lui è sempre una scoperta: facciamo dei brani, li riascoltiamo e io mi emoziono come fosse la prima volta».

Giulia Penna ancora in coppia con Leo Pari

Com’è nata Superstiti?
«È nata quest’estate con l’idea di fare una canzone malinconica che parlasse di un amore nato e non nato in vacanza, o comunque dopo un viaggio. È un brano con delle sonorità di cui ci siamo subito innamorati».

Quindi Superstiti vuole intendere che si deve “sopravvivere” in una relazione?
«Alla fine l’amore è anche un po’ il risultato di litigi e forti emozioni contrastanti. Poi l’amore vero rimane, come se restasse superstite da qualsiasi guerra. Anche nella copertina ho voluto rappresentare questo sentimento con una rosa illuminata e dietro questi pianeti che cadono. Mi è piaciuta l’idea di mostrare come un fiore così delicato riesca a sopravvivere in netto contrasto con pianeti forti che cadono. È la forza dell’amore».

Con te, ancora Leo Pari.
«L’ho conosciuto con Savana e ci siamo subito trovati benissimo. Con lui mi sono sentita molto capita e sono molto orgogliosa di questo progetto che ormai è un vero e proprio percorso. Lavoreremo anche ad altri brani».

Romana di nascita e milanese d’adozione. Se ti chiedessero di scegliere?
«Roma è il mio cuore, Milano è la mia vita. Sicuramente vivere in una città più organizzata come Milano è molto meglio, ma più in là con l’età credo mi ritirerò a Roma. È un po’ il mio rifugio».

 

In breve

Start up innovative, un quinto delle italiane è milanese

Start up, l'innovazione parla sempre di più milanese. E' questo il dato che ci suggeriscono le statistiche di ottobre...