28.3 C
Milano
22. 05. 2022 19:47

Al Milano Graphic Festival arriva un “Kilometro di Biodiversità”

Più letti

Una calda giornata di sole primaverile ha salutato questa mattina l’inaugurazione di “Un Kilometro di Biodiversità”, terza edizione di Progetto Scuole, iniziativa promossa da Hines, player a livello globale attivo nel real estate, con il patrocinio del Comune di Milano, per supportare la partecipazione dei più giovani ad uno sviluppo urbano sostenibile attraverso le loro idee e visioni sul futuro.

Siamo in piazzale dello Sport, dove una porzione di cesate che delimitano il cantiere dell’area del progetto Ex Trotto, oggetto di un intervento di rigenerazione urbana che vede Hines nel ruolo di investitore e sviluppatore, ospita la mostra pubblica open air “Un Kilometro di Biodiversità”, che si inserisce all’interno del programma della prima edizione del Milano Graphic Festival.

Fiori e colori

I bambini delle scuole primarie Don Gnocchi e Radice dell’Istituto Comprensivo Giuseppe Calasanzio del Municipio 7 si sono trasformati in artisti d’eccezione e nel corso di una serie di laboratori didattici organizzati in aula hanno creato fiori e piante, frutto della loro fantasia, sperimentando l’accostamento e la combinazione di diverse forme colorate prodotte per l’occasione dall’illustratrice e muralista Camilla Falsini.

La biodiversità rappresenta uno dei principi chiave del progetto di rigenerazione urbana dell’Ex Trotto che prevede la realizzazione di un vero e proprio “chilometro di biodiversità” lungo quello che era lo storico tracciato del Trotto: un parco ad anello che sarà caratterizzato dalla presenza di una ricca varietà di specie arboree ed essenze selezionate per creare un ecosistema resiliente.

Messaggi alla città

Mario Abbadessa, senior managing director & country head di Hines Italy, ha lanciato stamattina tre 3 messaggi chiari: «L’estetica spesso viene sottovalutata, ma in un progetto di rigenerazione urbana a volte vale più dell’etica e qui, in un quartiere che ha un progetto fermo dal 2000 e che oggi è un pezzo di città abbandonato, è molto importante avere già ora un pezzo di bellezza realizzato dai nostri bambini».

Il secondo messaggio riguarda il contenuto del marketing: «Quando è scoppiata la pandemia si leggeva che tutti noi avremmo lavorato nei borghi, nelle isole, ma la verità è che le città sono l’insieme delle migliori energie, i luoghi dove noi possiamo esprimerci al meglio – prosegue Abbadessa – Dobbiamo lavorare per portare la natura all’interno delle città, per questo servono progetti aperti con parchi e aree verdi fruibile per tutti e portare un km di biodiversità all’intero del contesto urbano è molto importante».

Il terzo punto guarda al futuro: «Veniamo da due anni difficili, ancora oggi gli eventi sono drammatici ed è difficile pensare ad una positività futura, ma i bambini e le scuole possono farlo, tutti gli interventi privati devono avere una ricaduta formativa, perché di questo progetto ne beneficeranno i bambini in futuro».

Area Ex Trotto: rigenerazione urbana

Hines, in qualità di investitore e sviluppatore, attraverso il fondo immobiliare Invictus gestito da Prelios SGR, sta realizzando il progetto di rigenerazione urbana dell’Area Ex Trotto, l’ex sede dell’Ippodromo del Trotto.

Si tratta di 130.000 metri quadrati nell’area nord ovest di Milano che verranno riconvertiti in spazi residenziali con circa 700 appartamenti in affitto a canone concordato, aree pubbliche, luoghi che accolgono servizi di prossimità, attività ricreative, educative e culturali, oltre ad un parco di oltre 50.000 mq.

Il progetto di rilancio urbano, disegnato dallo studio internazionale Kohn Pedersen Fox Associates, si pone come obiettivo quello di rigenerare un quartiere di Milano che includerà anche un parco che vuole diventare il polmone verde della zona, con oltre 750 alberi ed essenze arboree inserite all’interno di un progetto di landscaping organico curato da LAND.

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...