15.8 C
Milano
26. 02. 2021 12:35

I The Kolors tornano con “Mal di gola”: «Abbiamo sempre le idee chiare»

The Kolors tornano con Mal di gola: «La più grande debolezza è l’incertezza»

Più letti

Covid, Gallera: «Molti dovrebbero vergognarsi e chiedere scusa»

L'ex assessore al Welfare, Giulio Gallera, si toglie qualche sassolino dalla scarpa. Lo fa attraverso il proprio profilo Facebook...

Pronti per ripartire: riparte la Milano-Sanremo di Mi-Tomorrow

Da anni, lo speciale #MilanoSanremo monopolizza le pagine di Mi-Tomorrow nella settimana del Festival. Non sarebbe potuto essere altrimenti...

Inter, attenta agli ex di giornata: pericolosi volti noti nella sfida contro il Genoa

Gli allenatori sono solite definirle “partite trappola”. Confronti in cui il pronostico è quasi univoco e lo sforzo maggiore...

Da Non è vero a Mal di gola. Sono sempre loro, i The Kolors, abili a contraddistinguersi fra sound anni Ottanta e grinta da vendere. Cambia solo la stagione – dall’estate all’inverno -, non l’impulso di un singolo destinato a lasciare il segno.

In questo periodo siete stati in studio a lavorare molto. Poi ecco Mal di gola.

«Abbiamo approfittato di questa pausa per buttare giù idee e lavorare a quante più canzoni potevamo. Verso fine agosto ho inviato il brano a Jacopo Pesce (A&R Island Records, ndr) e mi ha detto che era un potenziale singolo. A fine estate, in costiera, nel riascoltarla in macchina con Giulia mi son detto che era una traccia assolutamente da sviluppare. E ora siamo qui a parlarne».

Siete due leoni e un capricorno… Quindi si tratta di una storia d’amore personale, di un racconto di fantasia o di vita quotidiana?

«Il riferimento al passaggio “Io toro e tu scorpione” nasce da dinamiche di discorsi che a volte si fanno in una coppia ed è la base del testo di Mal di gola. Spesso si pensa che certe azioni derivino dalle caratteristiche dei segni, per questo mi è piaciuto giocare su questa nuova logica di relazioni, che è figlia della nostra generazione».

Oggi sono di tendenza suoni più urban rispetto ai vostri 70/80s. È una scelta voluta?

«Troppi ragionamenti (ride, ndr). Non è né una ricerca sfrenata dell’essere diversi né voler agire in controtendenza: è semplicemente il giusto suono per raccontare quello che abbiamo dentro. È la forza del nostro messaggio: per qualcuno può essere un punto a nostro sfavore, ma per essere credibili e continuare nel nostro percorso era giusto fosse cosi, senza strizzare l’occhio ai suoni che vanno in base alle stagioni».

Siete giovani, ma alle spalle avete già gavetta, il successo in un grande talent e Sanremo. Quanto conta avere idee nel vostro ambito?

«È fondamentale averle chiare. La più grande debolezza è essere incerti nel modo di comunicare. Sapere realmente quello che si vuole è la chiave di qualsiasi tipo di successo, non solo artistico».

 

In breve

Inter, attenta agli ex di giornata: pericolosi volti noti nella sfida contro il Genoa

Gli allenatori sono solite definirle “partite trappola”. Confronti in cui il pronostico è quasi univoco e lo sforzo maggiore...