7.3 C
Milano
25. 01. 2021 15:48

Santachiara all’esordio: «Sette pezzi, un solo percorso»

Il giovane Santachiara pubblica il suo EP di esordio

Più letti

Sala: «Fontana dice che non è colpa di nessuno, ma un colpevole c’è»

Il sindaco Sala si rituffa nella bagarre mediatica relativa agli errori sulla trasmissione dell'indice Rt da parte della Lombardia....

Il professor Remuzzi sponsorizza il vaccino russo: «Non è perfetto, ma sostanzialmente funziona»

Il professor Giuseppe Remuzzi, direttore dell'istituto Mario Negri propone una soluzione per far fronte alle mancate distribuzioni del vaccino...

Vaccino anti-Covid, via al richiamo: all’ASST Gaetano Pini inizia la seconda fase

Nonostante i ritardi della Pfizer, proseguono le vaccinazioni a Milano .Questa mattina è iniziata la seconda fase della somministrazione...

La nuova scommessa di Carosello Records si chiama Santachiara, giovane cantautore alla sua prima esperienza con l’EP Sette pezzi – da oggi disponibile in formato fisico e digitale – di cui i brani sono stati già svelati nel corso delle ultime settimane, dopo aver già pubblicato i primi singoli Alba, Io e me e Quindi.

Da dove nasce la scelta, insolita per il mercato discografico italiano, di far uscire i pezzi settimana dopo settimana?

«È nata quasi da sé in realtà: volevo cercare di comunicare un percorso, evidenziando quelle che sono le differenze e le similitudini tra i brani, volevo che i brani avessero un loro preciso momento e fossero profondamente influenzati dal precedente e legati al successivo».

In quale “mood” sono nati questi brani?

«Circa tre di questi brani sono figli del lockdown: è stato un momento per pensare, scrivere e scavare a fondo dentro se stessi, quello che ne ho tirato fuori sono le mie canzoni».

In Silenzioso racconti “E sta vita ti regala schiaffi, chiudo un occhio che ne vedo meno”: di quali schiaffi parli?

«Quelli che fanno crescere davvero, che sai di doverli prendere per quello che ti insegneranno. Anche “chiudo un occhio che ne vedo meno” non sono parole scelte a caso, come “chiudo un occhio sugli schiaffi che prendo”, sono entrambi modi per andare avanti».

Sei una delle firme più interessanti tra i cantautori della nuova generazione. A chi ti sei ispirato per arrivare fino a qui?

«A tutti quelli che in un modo o nell’altro hanno fatto musica da paura, cambiando o migliorando gli schemi musicali che erano in gioco ai loro tempi. Mostri sacri come Bob Marley e Rino Gaetano hanno fatto molto con me, come anche Recondite e Kanye West».

In breve

Il professor Remuzzi sponsorizza il vaccino russo: «Non è perfetto, ma sostanzialmente funziona»

Il professor Giuseppe Remuzzi, direttore dell'istituto Mario Negri propone una soluzione per far fronte alle mancate distribuzioni del vaccino...

Potrebbe interessarti