24.9 C
Milano
17. 06. 2021 22:51

Tre domande a Mr. Rizzus: «Per me è Politicali Correct»

A tu per tu con Mr. Rizzus

Più letti

Come nasce il processo creativo di questo progetto?
«Avevo già pronte alcune canzoni già da diversi mesi, mentre le altre le ho realizzate in un secondo momento. Ho aggiunto i featuring immaginando chi potesse dare qualcosa in più ad ogni singola traccia, di questo ringrazio gli ospiti presenti: Peppe Soks, Jack The Smoker, Caneda, Tony Boy, Vale Bronson, Markino e Vendetta».

Monza influisce nelle tue produzioni?
«Tantissimo, soprattutto negli ultimi anni. Da quando è diventata una provincia, si avverte una certa voglia di indipendenza. Personalmente cerco di parlare dei problemi della mia città, che sono sicuramente diversi da quelli di una realtà come Milano. Ci sono diversi artisti famosi che omettono di provenire da Monza, mentre io ne vado orgoglioso, per questo ho voluto girare molti dei miei video qui, anche se può sembrare all’apparenza meno figo».

Ti senti in qualche modo appartenente ad una scena musicale specifica?
«Le divisioni ci sono sempre state, anche se bisognerebbe cercare di essere più uniti, un po’ come lo sono all’estero. Qui da noi c’è più chiusura, anche se non mi sento parte di una scena specifica. Trovo sia giusto cercare un proprio spazio, ma senza imporsi dei limiti».

In breve

SwappaMi, a Milano il negozio in cui si paga con il baratto

A Milano nasce SwappaMi ed è un pò come fare un salto in un mondo antico: niente più soldi...