2.3 C
Milano
21. 01. 2021 01:55

L’ultimo tassello di Zerosettanta: «Noi distributori di emozioni»

Renato Zero chiude la trilogia Zerosettanta con Volume Uno: «Solo musica leggera? La melodia è l’urgenza di oggi»

Più letti

Bollettino regionale, leggero aumento di ricoveri nei reparti ospedalieri: Milano, +187 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.876, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

«Basta, siamo stremati», una nuova protesta dei ristoratori: cesti di prodotti scaduti per il Prefetto

I ristoratori sono nuovamente sul piede di guerra. Domani andrà in scena una nuova manifestazione che si svolgerà al...

Terza ondata? Galli: «Al momento non ci sono segnali»

Quando arriverà la terza ondata? Molto probabilmento non ora. Ne è convinto il professor Massimo Galli, direttore del reparto...

È con Zerosettanta – Volume Uno che volge al termine l’ultima trilogia di brani inediti (40) di Renato Zero, usciti a cadenza mensile come personale regalo di compleanno fatto a lui e al pubblico a tre mesi esatti dalle sue settanta candeline.

Tra le tredici tracce del disco, prodotto dallo stesso Zero, il primo singolo estratto si intitola C’è: «Qui emergono forme di amore contemplative e fra di loro in un certo modo imparentate – anticipa Zero – perché l’amore continua ad avere un codice unico di trasmissione con regole universali».

Con Amara Melodia, di cui verso “adesso smetto perché sei ferita” è vetrina di un’amara mancata considerazione da parte di mass media e radio: «Quando vieni da una stagione prolifica di talenti e cantautori e fatichi ad avere corrispettivo di confronto – rivela Zero – questo distacco ti crea imbarazzo, nonostante tutto continuerò a offrire la mia partecipazione e il mio talento. Parlo di melodia in particolare richiamando l’urgenza, da me mai trascurabile, di ricerca del valore assoluto della musica e dello stesso valore che essa rappresenta per ciascuno di noi. Noi artisti non siamo solo distributori di emozioni, ma anche risolutori involontari di problematiche importanti rispetto alla frivolezza che spesso ci viene accreditata».

In breve

«Venite, ho sparato ad una persona in metro», lo scherzo finito male di un ragazzino milanese

Gli uomini del 118 hanno ricevuto una richiesta d'aiuto lo scorso lunedì: dall'altra parte del telefono qualcuno che affermava...

Potrebbe interessarti