-3 C
Milano
19. 01. 2021 07:01

“Aquile randagie”, un documentario per ricordare il gruppo ribelle di scout milanesi

Un gruppo di giovani ribelli milanesi capace di compiere gesti di enorme altruismo: il documentario

Più letti

A Milano iniziano a fioccare le multe dopo la fronda dei ristoratori di #ioapro

I titolari e i clienti che hanno infranto le regole lo scorso venerdì aderendo alla campagna #ioapro non la...

Fontana: «Tra stasera e domani il ricorso. Sono convinto che la Lombardia sia arancione»

Il governatore Fontana torna ad attaccare il governo sulla questione zona rossa. «I nostri avvocati hanno predisposto il ricorso...

Prese in ostaggio una guardia giurata nel Duomo: l’esito della perizia psichiatrica

Mahmoud Elhosary, il 26enne che quest'estate, il 12 agosto scorso, fece irruzione al Duomo prendendo in ostaggio una guardia...

Nel gennaio 1927 Mussolini decretò lo scioglimento dei reparti scout, affidando la disciplina muscolare dei giovani italiani all’Opera Barilla. Un gruppo di scout tutto milanese però si ribellò al regime e proseguì clandestinamente la propria attività per 16 anni, esattamente fino alla fine del Fascismo in Italia. Questa è la storia delle cosiddette “Aquile Randagie” che rivivrà in un documentario in onda domani sera alle 23 su Rai Storia.

La storia. Gli esploratori disobbedienti sfidarono la polizia fascista e la Gestapo incontrandosi di nascosto e organizzando campi estivi clandestini tra le montagne lombarde e l’Alto Adige. Dopo l’8 settembre 1943 le “aquile randagie” presero parte alla Resistenza, ma vi parteciparono disarmate.

aquile randagie documentario

Fondarono un giornale clandestino dal nome “Il ribelle” e creare una struttura altrettanto clandestina “Oscar”, che organizzò ben 2116 espatri in Svizzera salvando la vita ad intere famiglie di ebrei, ricercati politici ed ex prigionieri di ogni nazionalità. In alcuni casi il loro altruismo li spinse a salvare anche membri delle terribili SS, come il colonnello Eugen Dollman.

In breve

Scuola, non solo i licei: zaini e striscioni contro la DAD anche alle medie

Zona rossa significa che gli studenti di seconda e terza media da oggi tornano a fare didattica a distanza....

Potrebbe interessarti