22.1 C
Milano
22. 06. 2021 10:23

Zapping Cinema, un omaggio ad uno dei più grandi registi italiani: Lucio Fulci

L'appuntamento settimanale con il mondo del cinema

Più letti

ESTATE ’85

Tra i registi francesi più interessanti, nonché prolifici, François Ozon con Estate ’85 è tornato indietro di quasi quarant’anni per raccontare un amore omosessuale attraverso un inno alla giovinezza.

Nel corso dell’estate del 1985, l’estate dei suoi sedici anni, mentre si trova in vacanza in una cittadina balneare sulle coste della Normandia, Alexis (Felix Lefebvre) viene salvato eroicamente dall’annegamento dal diciottenne David (Benjamin Voisin), l’amico dei suoi sogni ma non solo. Tra i due scatta una profonda attrazione, fino a quando non entra in scena la giovane e bella Kate (Philippine Velge)…

In sala grazie ad Academy Two, Estate ’85 si ispira abbastanza fedelmente al romanzo “Danza sulla mia tomba” di Aidan Chambers. Ozon, reduce dallo straordinario “Grazie a Dio”, mette in scena una storia d’amore che ha il fascino delle prime emozioni adolescenziali, riprendendo tutti i codici del teen movie e trasportandoli nel pieno degli anni Ottanta. Ci troviamo di fronte a un film stilisticamente rilevante con un sorprendente controllo della messinscena. I due protagonisti sono magnetici, complessi. L’unica pecca è legata ai dialoghi tra i ragazzi, che a volte suonano un po’ vuoti.

Data: già disponibile
Paese: Francia, Belgio
Durata: 100 minuti
Regia: François Ozon
Genere: drammatico
Voto: 7,5

FULCI TALKS

Lucio Fulci è stato uno dei più grandi registi della storia italiana, apprezzato per la sua capacità di affrontare generi diversi con budget piuttosto ristretti, tanto da diventare un punto di riferimento per tanti autori. Fulci Talks, in sala grazie a Marechiarofilm in collaborazione con R.T.I. – Gruppo Mediaset, è una conversazione unica e irripetibile sul cinema del maestro “terrorista del genere”.

Dalla commedia al giallo, dall’horror al western, il documentario di Antonietta De Lillo è un bellissimo viaggio nel cinema italiano e internazionale attraverso una intervista curata dalla regista insieme al critico Marcello Garofalo. Fulci è stato un personaggio difficile da inquadrare, uno spirito libero che non ha mai avuto problemi a criticare o/e elogiare i lavori dei colleghi.

Fulci Talks è un ritratto di un regista unico, con molti aneddoti pubblici e privati, che affronta i temi fondanti del suo stile e le sue convinzioni. Lo straordinario lavoro sul montaggio consente allo spettatore di sentirsi quasi come il quarto protagonista della chiacchierata con il cineasta capitolino, una conversazione che non può non sembrare incredibilmente attuale.

Data: già disponibile
Paese: Italia
Durata: 80 minuti
Regia: Antonietta De Lillo
Genere: documentario
Voto: 7

MASCHILE SINGOLARE

Da oggi su Amazon Prime Video è disponibile Maschile singolare, opera prima di Alessandro Guida e Matteo Pilati. Un racconto di formazione in una quotidianità a chiare tinte LGBT+ che narra la storia di Antonio (Giancarlo Commare), costretto a mettere in discussione tutte le sue certezze quando viene abbandonato dal marito.

Supportato dall’amica Cristina (Michela Giraud), va a vivere con Denis (Eduardo Valdarnini) e inizia a lavorare nel forno di Luca (Gianmarco Saurino). Appassionato di pasticceria, Antonio riacquista fiducia in se stesso frequentano un corso professionale, mentre dal punto di vista sentimentale cambiano le cose: dopo aver sacrificato la propria indipendenza per il bene della sua relazione, si accorge che essere single non è male…

Maschile singolare è stato girato in tre settimane, con poche risorse e con una troupe giovane: un progetto che ha sicuramente più lati positivi che negativi, a partire dall’interessante lavoro sul piano sequenza e sul montaggio, oltre alla recitazione dei giovani protagonisti. Qualche pecca nella sceneggiatura – troppi eccessi smaccati e pleonastici – ma nulla di irreparabile. Un’opera prima godibile, e di questi tempi è già tantissimo.

Piattaforma: Amazon Prime Video
Data: da oggi
Paese: Italia
Durata: 100 minuti
Regia: Matteo Pilati e Alessandro Guida
Genere: commedia
Voto: 6,5

SHIVA BABY

Disponibile dall’11 giugno su Mubi, Shiva Baby segna l’esordio di Emma Seligman, che possiamo definire senza dubbi una grande autrice emergente. Basato sull’omonimo corto, il film racconta la storia della giovane bisessuale Danielle (Rachel Sennott), che arriva in ritardo a un funerale ebraico dopo aver cercato di estorcere il pagamento al suo sugar daddy Max (Danny Deferrari). La ragazza è alle prese con la tradizione ebraica ma anche con il suo bisogno di indipendenza…

Shiva Baby è una classica commedia degli equivoci, dolorosamente divertente. La Seligman mette in scena dinamiche familiari imbarazzanti, con tensioni cotte a fuoco lento in un crescendo che esplode nel finale. C’è uno straordinario lavoro di scrittura cinematografica, tanto da apparire uno spettacolo teatrale ben costruito, valorizzato da un montaggio fluido e serrato.

La fotografia di Maria Rusche cattura i toni cupi, giocando con la profondità di campo e utilizzando l’ampiezza dell’inquadratura per rappresentare l’isolamento psicologico della protagonista. Quella di Rachel Sennott è una performance straordinaria, affiancata dall’ottimo lavoro dei personaggi secondari, caratteristi di buona fattura. Un esordio di assoluto rilievo.

Piattaforma: Mubi
Data: 11 giugno
Paese: Usa, Canada
Durata: 77 minuti
Regia: Emma Seligman
Genere: commedia
Voto: 7

In breve

A Milano un giardino in memoria di Nilde Iotti

Alla presenza dell’assessore alla Cultura Filippo Del Corno, del Presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolé e dell’assessora alla Cultura...