dante alighieri
dante alighieri

Gli appuntamenti a teatro di questa settimana nel nostro appuntamento con la rubrica Sipario: si parte con Dante Alighieri.

Viaggio nella poesia dantesca
Dante, Inferno
Corrado d’Elia non poteva trovare cornice migliore del Cortile delle Armi del Castello Sforzesco per raccontare al pubblico l’opera più trattata della storia. All’attore milanese bastano un leggio e un microfono per poter incantare la platea, le terzine dell’inferno dantesco si alternano agli approfondimenti di d’Elia in parte didascalici e in parte poetici. L’amore tra Paolo e Francesca, la temerarietà di Ulisse, la disperazione del conte Ugolino sono alcuni dei punti chiave trattati in questo monologo che ha il merito di non appesantirsi mai, tenendo il giusto ritmo e le giuste interruzioni anche grazie all’aiuto della musica e di un ottimo disegno luci. Lo stile di Corrado d’Elia resta inconfondibile e con la sua voce riesce ad esaltare la contemporaneità di Dante, padre della nostra lingua, della nostra letteratura e della nostra cultura. Si entra e si esce dal capolavoro dantesco, ma la magia non si interrompe mai.
Mercoledì alle 21.00
Castello Sforzesco
Piazza Castello, Milano
Biglietti: 10 euro

Marionette all’arrembaggio
L’isola del tesoro
Va in scena in anteprima mondiale al Piccolo Strehler l’ultima opera allestita dal grande Eugenio Monti Colla, scomparso nel novembre del 2017. L’isola del tesoro, tratta dall’omonimo romanzo di Robert Louis Stevenson, è infatti attesa a New York per iniziare la sua tournée negli Stati Uniti. Le marionette della Carlo Colla & Figli entrano nel mondo dei pirati creando un universo illusorio in cui il pubblico, dimenticandosi della materia di cui sono fatti gli attori “virtuali” in palcoscenico, viene trascinato e portato a immedesimarsi con i protagonisti alla prese con tesori, intrighi e tradimenti. Le atmosfere dell’isola misteriosa, in cui si alternano combattimenti, tranelli, imprevisti e cambiamenti repentini di fronte e di alleanze fino al lieto fine che conclude la storia, permettono alle marionette di diventare, ancora una volta, le protagoniste di una grande avventura che vuole affascinare il pubblico di ogni età.
Da martedì al 23 giugno
Piccolo Teatro Grassi
Via Rovello 2, Milano
Biglietti: da 12 euro su piccoloteatro.org

Il lavoro visto dai giovani
Sempre domenica
Arriva al Teatro Elfo Puccini, all’interno della rassegna Nuove Storie Potere Politica Passione, lo spettacolo vincitore del Premio In-Box dal Vivo 2017. Al Collettivo Controcanto, fondato nel 2010 dalla regista Clara Sancricca, bastano sei attori e sei sedie per raccontare la loro storia. Una scena minimalista che nasconde però un testo ricco di spunti di riflessione. L’obiettivo della giovane compagnia, composta da ragazzi con un’età media di 25 anni, è illustrare il mondo del lavoro: colorato di grigio, come quello che le nuove generazioni si trovano a vivere ogni giorno, visto dagli occhi di chi prova a non arrendersi all’inevitabile. In questo caso l’inevitabile non è la disoccupazione, bensì la rassegnazione ad un destino ineludibile, che ci obbliga ad accettare l’ordinario ad ogni costo. Sempre domenica denuncia, con ironia, un mondo nel quale bisogna essere forzatamente integrati, fedeli al binario unico, in cui sognare è sempre più difficile semplicemente perché non ci viene consentito.
Da oggi a venerdì alle 19.30
Teatro Elfo Puccini
Corso Buenos Aires 33, Milano
Biglietti: 16,50 euro su elfo.org

All’ultimo respiro
Non non non non non abbastanza ossigeno
La regista Giorgina Pi porta al Festival Da vicino nessuno è normale il noto testo della drammaturga britannica Caryll Churchill nato come radiodramma per la BBC nel 1971 con la prima versione italiana realizzata da Bluemotion per Radio Rai 3 nel 2017. Una storia scritta negli anni ‘70 e ambientata nel 2010, in un Londra chiamata Londre dove si vive in monolocali, immersi nell’inquinamento, manca l’ossigeno e lo compra solo chi se lo può permettere. In una di queste minuscole case si assiste alla difficile riunione, dopo anni, di Mick e suo figlio Claude, famosa pop star. Nel loro appartamento non c’è dunque spazio per Vivian, amante di Mick e costretta, per questioni di sopravvivenza, a vivere controvoglia col marito. Mentre le strade sono prese d’assalto dai rivoluzionari, i tre protagonisti sono chiamati a fare scelte che cambieranno drasticamente le loro vite. Una storia in cui è forte la critica sociale in cui le allarmanti predizioni di Caryl Churchill sembrano avviarsi a diventare realtà.
Martedì alle 21.45
Teatro LaCucina
Via Ippocrate 45, Milano
Biglietti: 15 euro su olinda.org


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/