Invito a teatro
Invito a teatro

Lo storico abbonamento Invito a Teatro arriva alla sua 41ª edizione con un’offerta ricca di novità e stimoli: per la stagione 2019-20 sono ben quindici i teatri cittadini aderenti, con quasi cento spettacoli proposti (in programma già da giovedì), confermandosi come unica formula esistente in Italia in grado di riunire l’offerta dei teatri cittadini.

 

«È un vero miracolo riuscire ad unire la forza di quindici teatri milanesi ed offrirli a buon prezzo – spiega Mimma Guastoni, presidente dell’Associazione Teatri per Milano –: grazie ad una prima selezione effettuata dagli stessi teatri si potrà accedere ad un’offerta già filtrata degli spettacoli in cartellone. Una garanzia di qualità a buon mercato».

Sono quattro le formule di abbonamento: il classico 8 spettacoli, la formula potenziata a 10 selezioni, l’abbonamento Extra Urbano, con quattro tagliandi dedicati a chi abita fuori città e l’abbonamento Under26. Si potrà così scegliere tra 96 spettacoli di 15 diversi teatri milanesi, incluse anche le produzioni di 7 compagnie teatrali lombarde, in grado di «allargare lo spirito con cui stiamo affrontando questa sfida».

«Da presidente continuo ad occuparmi dello stato attuale del teatro milanese e, in generale, posso affermare che la sua salute è buona – rassicura la Guastoni – nonostante le condizioni avverse del momento. Continuano a nascere tanti spettacoli diversi e la ricerca di calore e verità si rinnova di stagione in stagione: non tutto è perfetto, certo, ma lo sforzo qualitativo c’è, insieme alla giusta dose di entusiasmo che non manca mai».

L’abbonamento conferma il suo occhio di riguardo verso il pubblico più giovane, grazie all’abbonamento Under26, iniziativa nata in collaborazione con il Comune di Milano e la Camera di Commercio, che offre per ogni abbonamento ulteriori quattro ingressi gratuiti per invitare un amico under 26. «Da quest’anno per ogni giovane abbonato ci sarà la possibilità di acquistare, a prezzo scontato, l’Abbonamento Musei Young che dà diritto all’ingresso in più di 150 strutture museali di Lombardia e Valle D’Aosta.

Con questo contiamo di allargare ulteriormente la possibilità di includere il pubblico più giovane, dopo l’incremento del 50% registrato lo scorso anno sul numero di spettatori Under26». Per tutte le info, visitate il sito invitoateatro.mi.it.

—-

LA COMPAGNIA

Che orgoglio per noi
Ad Invito a teatro anche la Compagnia Caterpillar del regista Daniele Vagnozzi

Vagnozzi, come nasce la compagnia?
«Nasce cinque anni fa, quando abbiamo conseguito il diploma presso l’Accademia dei Filodrammatici con lo spettacolo Tamburi nella notte. Poi abbiamo continuato a mantenere gli occhi aperti sulla nostra contemporaneità, soffermandoci sul tema dell’immigrazione con il progetto Fragile».

Si tratta di un grande traguardo.
«Esser stati selezionati tra tante altre giovani compagnie teatrali ci riempie di orgoglio. Rientriamo per la prima volta all’interno di Invito a teatro. E ci auguriamo che non sia l’ultima».

Con quale spettacolo vi proporrete?
«Dal 5 al 10 maggio 2020 saremo in scena in prima nazionale al Filodrammatici con Argonauti e Xanax, un progetto nato in collaborazione con il Teatro e l’Ordine degli psicologici della Lombardia: racconteremo di sette ragazzi in preda ai mali del nostro tempo, l’ansia ed il panico. Lo potremmo definire un thriller dei nostri tempi».

Come mai questa scelta?
«Rispecchia perfettamente quella che è la nostra cifra stilistica sulla scelta di tema e argomenti da trattare. Prediligiamo la drammaturgia originale e, per questo, portiamo in scena ciò che per noi è più urgente al momento. Di temi come panico e ansia se ne parla poco e male, l’attualità passa anche dal teatro e lo spettacolo deve fungere da strumento di comunicazione».


www.mitomorrow.it