17.3 C
Milano
27. 10. 2021 18:44

Naked Attraction torna con la seconda stagione. Nina Palmieri: «Sfido gli scettici»

Nina Palmieri su Discovery+ con la seconda stagione del discusso dating show Naked attraction Italia

Più letti

Dopo il successo della chiacchierata prima stagione, torna Naked Attraction Italia – un nuovo episodio ogni venerdì in esclusiva su Discovery+ -, il dating show che crede all’amore a prima vista e che porta un selezionatore a scegliere la sua metà solo attraverso le varie parti del corpo di sei concorrenti, totalmente nudi, posizionati in cabine colorate. Confermata al timone Nina Palmieri, tra le protagoniste dei panel di presentazione dell’ultimo Festival delle Serie Tv.

Nina Palmieri racconta la nuova stagione di Naked Attraction

Quali saranno le novità di questa stagione?
«In realtà squadra che vince non si cambia, però ci saranno alcune sorprese nate per mettere ancora di più “a proprio agio” i selezionatori».

E le storie?
«I concorrenti di quest’anno mi hanno colpito. Sono arrivati ai casting con maggiore consapevolezza, perché probabilmente conoscevano il programma e sapevano a cosa andavano incontro. Esibizionismo sì, ma più consapevole».

Le discussioni sui social non sono poche. C’è stato qualcosa che ti ha ferito?
«Accetto solo le critiche positive, il resto me lo lascio scivolare addosso. Mi hanno delusa tutti quelli che, pur reputandoli intelligenti, non hanno capito la mission del programma fermandosi alle apparenze. Mi hanno detto: “Da te non mi sarei aspettata un programma trash”. Ma io non lo considero affatto così».

Ovvero?
«Non cade mai nella volgarità. Invito tutti quelli che si sono fermati allo spot o ai titoli di giornale ad approfondire, per capire cosa c’è dietro un programma del genere. Molti, al contrario, mi hanno scritto dicendomi che si sono commossi a contatto con le nostre storie».

Hai notato differenze tra concorrenti uomini e donne?
«L’atteggiamento disinvolto è molto simile, ma devo ammettere il fatto che ai casting continuano a presentarsi pochissime donne, temo che abbiano ancora il timore di essere giudicate e questo mi dispiace. Nel mio lavoro ho esplorato a fondo il mondo delle donne, sono innamorata del loro universo. Sento una forte energia quando le donne si muovono, manifestano ed esprimono il loro pensiero, libere e senza paure, e vorrei continuare a dare eco al loro movimento anche in futuro».

La tua “vittoria” con Naked attraction Italia?
«Il fatto che chi partecipa al programma viene per portare a casa un po’ di autostima, per superare i propri limiti e le proprie insicurezze sui propri difetti fisici. Tornano a casa più ricchi e più felici».

In breve

Start up innovative, un quinto delle italiane è milanese

Start up, l'innovazione parla sempre di più milanese. E' questo il dato che ci suggeriscono le statistiche di ottobre...