8.5 C
Milano
26. 02. 2021 03:24

Milano, con la zona gialla torna anche la cultura: riaprono i musei

Riaperture in vista: ecco le mostre che ripartono dalla prossima settimana

Più letti

Bollettino regionale: oltre quattromila positivi, tasso in rialzo all’8,6%

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.243, di cui 200 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Comunali, la data delle elezioni a Milano è quasi certa: ecco quando

Secondo quanto appreso da Affaritaliani.it la data delle prossime comunali a Milano dovrebbe essere ormai ufficiale: i milanesi andranno...

Acquisto vaccini, Burioni attacca la funzionaria italiana: «Si occupava di pesca e agricoltura»

Il virologo dell'Università Vita-Salute San Raffaele, Roberto Burioni, attacca attraverso un consueto tweet la dott.ssa Sandra Gallina, la funzionaria...

Con la zona gialla torna anche la cultura. Solo dieci giorni fa l’assessore Filippo del Corno aveva convocato i direttori dei musei milanesi per concordare una riapertura collettiva la prima settimana di marzo in occasione di Museo City. Si credeva che i tempi di transito da zona rossa a gialla necessitarono di circa un mese. Invece il colpo di scena dei dati errati ed il repentino cambio di colore ha cambiato le carte in tavola.

Riaperture. L’Hangar Pirelli Bicocca è già pronto ad accogliere i visitatori mercoledì 3 febbraio; le Gallerie d’Italia hanno fissato il giovedì 4; la Biblioteca Braidense punta a lunedì 8 con la mostra della collezione Adler, e la Pinacoteca di Brera sta lavorando per riaprire il 9.

Non si sa ancora quando, ma a breve – conferma Del Corno, riapriranno anche le mostre di Palazzo Reale, del Castello Sforzesco, del museo del 900 e probabilmente anche quella del Mudec.

Filippo Del Corno
Filippo Del Corno

Per il Cenacolo si aspettano notizie dal Polo museale della Lombardia, mentre per gli altri musei civici è confermata come data di riapertura la prima settimana di marzo.

«La Lombardia ha cambiato due fasce di rischio in due settimane – dichiara Del Corno -: speriamo di no, ma chi ci assicura che il 15 febbraio non ci ritroveremo di nuovo in fascia arancione? È necessario far sedimentare la situazione epidemiologica per non trovarci a chiudere ancora. Questo sistema a singhiozzo toglie dignità alla partecipazione culturale. Sono mesi che sottolineo la necessità di uscire dalla provvisorietà e di una programmazione con un mutamento di prospettiva: va stabilito per la cultura (musei, teatri e cinema) lo stesso livello di importanza strategica assegnato alla scuola e va fissato un calendario con valore nazionale e date certe».

In breve

Acquisto vaccini, Burioni attacca la funzionaria italiana: «Si occupava di pesca e agricoltura»

Il virologo dell'Università Vita-Salute San Raffaele, Roberto Burioni, attacca attraverso un consueto tweet la dott.ssa Sandra Gallina, la funzionaria...