È il momento di salutare l’estate e di dare il benvenuto all’autunno e all’Alpen Fest. Quando le giornate cominciano ad accorciarsi, le ombre e farsi più lunghe e i colori più caldi è anche il momento in cui il bestiame torna dalla transumanza nei pascoli in altura e gli allevatori li fanno sfilare nel centro del paese, come da sempre vuole questo rito pubblico che scandisce le stagioni. Da venerdì a domenica a Livigno va in scena quindi l‘Alpen Fest, manifestazione popolare che affonda le radici nella storia locale e che si è ormai trasformata in un’occasione per trascorrere un weekend di natura sulle montagne del nord della Lombardia.

L’APERTURA • La festa inizia venerdì mattina: alle 10.00 il taglio del nastro della 51ª edizione della mostra Zootecnica e, a seguire, un pranzo al Bike Skill Center di via Isola. Alle 20.30, uno dei momenti più emozionanti e coinvolgenti della kermesse: gli allevatori fanno ritorno dai pascoli insieme alle mandrie e sfilano nel cuore del Paese, partendo dal Comune di Livigno fino al museo. Nel corso della sfilata ogni allevatore suonerà un campanaccio per il saluto del pastore, annunciando il rientro degli animali in paese dopo l’estate e commemorando i colleghi e amici scomparsi.

SABATO E DOMENICA • Nel fine settimana la manifestazione entra nel vivo. La sfilata del bestiame si ripete anche nella mattina di sabato, dalle 10.00, nel cuore di Livigno, con partenza da Santa Maria e San Rocco. Nel pomeriggio si svolge il campionato di mungitura e tosatura, mentre i visitatori e i turisti potranno anche assaggiare i prodotti locali esposti negli stand dai produttori della Valtellina e dalle aziende agricole del territorio. Domenica la sfilata tocca Trepalle, con partenza dalla località Presot e pranzo al Passo d’Eira. Il programma completo dell’evento è disponibile livigno.eu, dove è anche possibile prenotare una delle strutture ricettive dell’area.

—–

PERCHÉ ESSERCI

«Un momento speciale»

Tradizione e innovazione: l’Alpen Fest fonde questi due aspetti per rendere, ancora una volta, Livigno e la sua valle una meta turistica altamente appetibile. Lo spiega meglio Marco Faccinelli della cooperativa Latteria di Livigno, ente organizzatore dell’evento.

L’Alpen Fest è una celebrazione locale o un evento per chi viene da fuori?
«Entrambi. I locali tengono molto a questo momento: cerchiamo poi di legare la tradizione agli aspetti più turistici per trasformarlo in un evento diffuso che possa attirare sempre un maggior numero di visitatori».

Qual è il plus di visitare Livigno in questo periodo?
«Inizia l’autunno, i colori sono più caldi e non c’è il “pienone” estivo. Questo è uno dei momenti dell’anno più speciali per trascorrere del tempo nella nostra valle. La transumanza degli animali è poi un evento unico».

A chi si rivolge l’Alpen Fest?
«A tutti, ma in particolare direi alle famiglie con bambini. Chi viene da lontano e vive in città non è abituato a vedere da vicino gli animali e ad assistere a una manifestazione così sentita dalla gente del luogo. E poi ci sono laboratori, di cucina ma non solo, per grandi e piccini: alcuni allevatori insegnano a tosare le pecore secondo le tecniche più antiche, altri mostreranno come preparare gli insaccati con la carne fresca macinata».