12.2 C
Milano
29. 02. 2024 22:29

Violenza sulle donne, il nuovo progetto di Alessandra Kustermann: «Dagli incubi si rinasce»

Un’autorità in tema di salute femminile, ex primario di ginecologia della Mangiagalli: «Con Cascina Ri-Nascita diamo loro nuove possibilità»

Più letti

Alessandra Kustermann è stata la prima donna primario della Clinica Mangiagalli e la fondatrice del Soccorso Violenza Sessuale e Domestica, primo del suo genere in Italia a nascere dentro un ospedale pubblico. Oggi presiede l’Onlus SVS DAD, che offre accoglienza alle persone che hanno subito violenza e maltrattamento, e guida il progetto Cascina Ri-Nascita (svsdad.it/cascina-ri-nascita): una cascina circondata da 30mila metri quadri di terreno, in zona Corvetto, che offre alle donne in uscita dalla violenza e ai loro figli un luogo sicuro dove ritrovare la serenità.

Alessandra Kustermann presenta il suo nuovo progetto

Perché siamo di fronte a un’escalation vertiginosa della violenza contro le donne?
«La violenza è sempre esistita. C’era più violenza nel medioevo, un aspetto che nei secoli ovviamente si è modificato. Solo la violenza di genere non si è modificata, anzi. Forse il cosiddetto aumento dell’autonomia femminile ha portato alcuni uomini a pensare di dover fermare queste donne che stanno dilagando nel loro mondo».

È un problema degli uomini o della società?
«Secondo me è un attacco molto profondo alla realtà femminile. Non è la singola storia che conta, ma conta il fatto che esiste una connivenza diffusa rispetto al fatto che sia possibile e lecito insultare, umiliare, chiedere a una donna più di quanto si dovrebbe».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Come si contrasta l’incubo della violenza?
«Mi occupo di incubi quotidianamente, ma bisogna dirlo che dagli incubi si rinasce. Non siamo di fronte a cattivi sogni, bensì ad una realtà che esiste, ma che si può modificare».

Alessandra Kustermann
Alessandra Kustermann

Come?
«Il cambio culturale è fondamentale. È necessario che i genitori dedichino del tempo ai propri figli sin da piccoli, perché da qui passano i cambiamenti culturali».

Quali comportamenti maschili è necessario cambiare?
«Convincere le donne a lasciare il lavoro nel momento in cui nascono i figli, ad esempio. Spesso non è una libera scelta della donna. Insinuare il sospetto che tu saresti meno madre se continuassi a lavorare, esercitando una violenza psicologica che è molto più grave di quella fisica. È un aspetto presente in tutti i maltrattamenti, a volte c’è anche la violenza fisica, ma quella psicologica non manca mai. E soprattutto se le donne hanno dei figli e sono disoccupate da anni, è più difficile lasciare la casa».

Ora che è in pensione si è dedicata a un altro progetto per aiutare le donne vittime di violenza?
«Mi sono lanciata in un’ennesima impresa: Cascina Ri-Nascita, un luogo sicuro per donne con figli, perché sono coloro che hanno più difficoltà a lasciare la casa e l’uomo. Uno dei loro sogni era avere una famiglia che funzionava e questo è uno dei motivi per i quali faticano a comprendere che quello che stanno vivendo non è amore. Vale anche se non hanno avuto figli, ma questi sono un’ulteriore complicazione nel riuscire ad essere di nuovo autonome economicamente».

L’autonomia economica è importante per uscire dalla violenza?
«È chiaro che tutte noi possiamo essere maltrattate – dottoresse, avvocate, giornaliste o casalinghe – ma se hai una professione la tua possibilità di raggiungere un’autonomia è più facile rispetto alle donne che non lavorano. Cascina Ri-Nascita è per loro, il mio vero sogno è dare loro l’autonomia».

Come è strutturato il progetto di Cascina Ri-Nascita?
«Dieci appartamenti per donne con figli e quattro per donne sole. Lo scopo è portarle a camminare di nuovo con le proprie gambe. La parte più importante è il lavoro: sei mesi di formazione e sei di tirocinio pagato, poi un anno di lavoro in cascina».

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A