5.4 C
Milano
23. 04. 2024 01:06

«Non ci censure-Rai», in corso Sempione la manifestazione pro Palestina per dire stop al genocidio

Presidio in corso Sempione per sostenere la causa palestinese e condannare il comunicato letto a Domenica In da Mara Venier

Più letti

Un presidio davanti alla sede della Rai di Milano per dire “stop al genocidio in Palestina” e protestare contro la tv pubblica e la presa di posizione del suo amministratore delegato dopo l’appello lanciato da Ghali sul palco del Festival di Sanremo. Centinaia di persone si sono radunate nel pomeriggio di oggi, 14 febbraio, in corso Sempione per sostenere l’iniziativa organizzata dai giovani palestinesi di Milano e dal centro sociale Cantiere.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mi-Tomorrow (@mi_tomorrow)

Presidio davanti alla sede Rai di Milano: «Israele Stato genocida»

Per gli attivisti, il comunicato dell’ad Rai Roberto Sergio è «servile e negazionista, ribadisce la vicinanza a uno Stato genocida che in queste ore ha deciso di bombardare Rafah, dove più di un milione di persone è stato costretto a rifugiarsi scappando dalle bombe e dalla fame imposta da Israele. E proprio dopo aver detto che a Sanremo si fa solo musica, per difendere l’oppressore si esprime solidarietà a Israele e si silenzia il genocidio del popolo palestinese».

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Presidio davanti alla sede Rai di Milano, applausi per Ghali

La manifestazione, molto partecipata, è iniziata alle 18.00 in corso Sempione dove l’ingresso della Rai è vigilato dalle forze dell’ordine. I manifestanti hanno urlato slogan contro i giornalisti e i media ed esposto cartelli con la scritta “genocidio” e “CensuRai”. Acclamato anche Ghali, applaudito dai manifestanti. «Le proteste sotto le sedi televisive sono la risposta alle miserabili dichiarazioni dell’amministratore della Rai a favore di Israele e conseguentemente della strage di circa 30.000 donne, uomini, bambine e bambini – si legge in una nota del centro sociale Vittoria -. Queste proteste sono sempre più necessarie per la faziosità filo-sionista dell’informazione di regime di giornali e televisioni, nel raccontare la tragedia in atto».

In breve

FantaMunicipio #26: come tanti Ciceroni fai da te, alla scoperta di alcuni angoli di quartiere

Quante volte camminiamo per la città, magari distratti o di fretta, e non ci accorgiamo di quello che ci...