23.4 C
Milano
22. 06. 2021 00:10

Corsa alla dose: a che punto siamo con le vaccinazioni?

Riaprono le vaccinazioni per gli insegnanti, ancora al palo le somministrazioni in azienda

Più letti

Le vaccinazioni in azienda in Lombardia cominceranno non prima di giugno. «Attualmente non ci sono le dosi disponibili per poter avviare queste somministrazioni – ha spiegato il direttore generale del Welfare di Regione Lombardia, Giovanni Pavesi -. Il protocollo da adottare è però già stato preparato e presentato ieri alle associazioni datoriali e di categoria. Non è ancora stato approvato definitivamente da Regione Lombardia perché non c’è l’assoluta emergenza, visto che non sarebbe in grado di entrare nella piena operatività».

Nel frattempo, sono ricominciate le vaccinazioni degli insegnanti che non hanno ancora avuto la prima dose.

Servirà una terza dose?

Sul capitolo riguardante il periodo di efficacia dei vaccini, Pavesi ha spiegato che «in questo momento non c’è un’indicazione precisa che ci dica che dopo sei mesi l’efficacia del vaccino vada a spirare e non abbiamo un’indicazione precisa per quanto la validità del vaccino debba essere mantenuta in vita e fino a quando questa ‘green card’ può portare la data di vaccinazione, siamo anche noi in attesa di un chiarimento».

«Ovvio che la data dei sei mesi ci pone drammaticamente di fronte alla necessità, se fosse confermata, di riprendere l’attività vaccinale con la terza dose già nei prossimi mesi, soprattutto per il personale sanitario e delle Rsa, iniziate già a gennaio – ha concluso -. Questo ci creerebbe dei problemi organizzativi e di disponibilità di vaccini secondo noi drammatico. E’ un quesito che abbiamo posto al ministero e non ci è stata ancora data una risposta definitiva».

Nuove linee vaccinali a Malpensa

Nel frattempo, la Asst Valle Olona, in collaborazione con Lifebrain, il più grande network di laboratori d’analisi in Italia, ha attivato due nuove linee vaccinali nell’hub di Malpensa Fiere, che garantiranno una capacità di ulteriori 300 somministrazioni al giorno.

L’apertura avviene dopo la firma di un protocollo, valido fino a fine giugno, con la possibilità di proroga fino ad ottobre, che prevede l’impiego di personale qualificato Lifebrain. Le due postazioni, totalmente autogestite e per le quali l’azienda ha messo a disposizione 15 addetti specializzati tra medici e personale sanitario, saranno aperte 7 giorni su 7 dalle 8.00 alle 20.00.

 

In breve

A Milano un giardino in memoria di Nilde Iotti

Alla presenza dell’assessore alla Cultura Filippo Del Corno, del Presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolé e dell’assessora alla Cultura...