2.9 C
Milano
22. 01. 2021 01:10

Milano, un’operazione da record al Policlinico

Al Poiliclinico un intervento unico al mondo: la storia a lieto fine

Più letti

Mudimbi, il meltin’pot della musica: «Qui grazie a questa voce»

«Ho capito che potevo farcela quando Radio Deejay ha passato una mia traccia nel programma Asganaway». Da via Massena...

Il Moro, la band del figlio di Iacchetti si presenta: «Dai balconi quella carica giusta»

Nuoteremo in mare - disponibile su tutte le piattaforme digitali – è il nuovo singolo della band milanese Il...

Bollettino regionale, diminuiscono i ricoverati in terapia intensiva: Milano, +248 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 2.234, di cui 119 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Un intervento da record effettuato al Policlinico di Milano e raccontato sull’intervista scientifica Annals of Vascular Surgery. Il protagonista di questa storia a lieto fine è un giovane ragazzo vittima di un grave incidente in moto.

Il racconto. Lo schianto in moto aveva provocato al giovane una rottura dell’aorta e un trauma all’addome talmente esteso da richiedere un trapianto di fegato. La situazione clinica. A complicare il quadro clinico le continue emorragie addominali e diverse lesioni alle gambe.

L’unica via percorribile era il trapianto coadiuvato da un’operazione all’aorta. Un’operazione che si presentava come estremamente complessa e soprattutto non era mai stata effettuata prima.

policlinico milano

«In quei giorni lo sforzo combinato degli specialisti di sei reparti – racconta Maurizio Domanin, primo autore della pubblicazione scientifica – ha consentito di creare da zero il modo con cui sarebbe stato necessario procedere. Questo ci ha permesso di riparare in emergenza prima la lesione all’aorta e poi di procedere al trapianto di fegato. E’ un caso straordinario ed unico al mondo che ha sottolineato il ruolo chiave della collaborazione tra i diversi specialisti» .

Il giovane, dopo quasi sei mesi di degenza, è stato dimesso e mandato a un centro di riabilitazione. Oggi, a 16 mesi dall’incidente, è tornato a camminare normalmente e non ha avuto problemi di rigetto con il trapianto.

In breve

Milano, la rivolta dei centri estetici: «Abusivismo smisurato in zona rossa»

Tra i settori colpiti dall’istituzione della zona rossa in Lombardia ci sono i centri estetici, costretti nuovamente le serrande...

Potrebbe interessarti