5.1 C
Milano
28. 01. 2021 12:43

Il Milan torna a +3 sull’Inter: titolo di campione d’inverno a un passo

Inter e Milan mantengono la vetta della Serie A, ma gli uomi di Conte compiono ancora un mezzo passo falso

Più letti

Reinventarsi senza sosta: Milano cambia volto con i progetti di Reinventing Cities. Ma a che punto siamo?

Dove eravamo rimasti? La prima edizione di Reinventing Cities, bando internazionale indetto dal gruppo C40 (che riunisce circa cento tra...

Maran racconta il futuro urbano di Milano: «Una nuova modalità operativa»

I numeri sembrano incoronare Milano regina del bando Reinventing Cities. «La formula di questo bando è nata a Parigi nel...

Franceschini dice “no” al pubblico a Sanremo: Amadeus lascia il Festival?

Il ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini non è assolutamente disposto a fare concessioni al Festival di Sanremo in...

La giornata sportiva delle due milanesi si conclude con risvolti totalmente opposti. Il Milan dopo lo stop con la Juventus riprende il suo cammino battendo per 2-0 il Torino, mentre l’Inter impatta sul 2-2 sulla Roma facendo un favore anche ai cugini. In un solo colpo il Milan “mangia” due punti alla seconda e terza in classifica.

Qui Milan. Il Milan torna a San Siro con la voglia di riscattarsi. Davanti a sè un avversario non certamente irresistibile: nel primo tempo il Torino dell’ex Giampaolo sembra sia più intenzionato a non prenderle piuttosto che creare qualcosa di propositivo.  L’atteggiamento rinunciatario del Toro regge fino al 25esimo quando Brahim Diaz e Leao triangolano perfettamente: quest’ultimo a tu per tu con Sirugu non può sbagliare. Al 35′ Brahim Diaz viene steso da Belotti dopo un tentativo di slalom. Dopo un lungo controllo al Var l’arbitro assegna il calcio di rigore: Kessie con freddezza realizza.

Il Toro dà qualche segnale di reazione con una punizione dell’altro ex Rodriguez che si stampa sull’incrocio dei pali. Nel secondo tempo i granata sono più combattivi, ma non riescono mai seriamente ad impensierire Donnarumma. Nel finale c’è anche spazio per l’atteso ritorno di Ibrahimovic. Non incide, ma il suo rientro è “oro colato” per il prossimo turno data l’assenza di molti titolari, al quale si è aggiunto anche Tonali uscito dolorante per un colpo alla tibia.

Qui Inter. La partita si sblocca al 17′. Dopo un paio di buone occasioni per Lukaku, a passare in vantaggio è la Roma. Barella perde il possesso in contrasto con Veretout facendo scattare velocemente il contropiede giallorosso: la palla arriva a Lorenzo Pellegrini, che calcia di prima dai 20 metri infilando Handanovic nell’angolino basso.

Il secondo tempo parte con lo stesso copione e il primo squillo è di Lukaku, che sfiora il pari di testa. Poi è di nuovo il belga a strappare su Mancini e mettere in mezzo una palla perfetta per Lautaro, che quasi dal limite dell’arietta piccola centra però Pau Lopez.

Al 56′ ecco il paridi Milan Skriniar.  Il centrale è il più bravo ad avventarsi su un calcio d’angolo di Brozovic e a trovare, di testa, l’angolo lontano. Al 63′ l’Inter la ribalta: i nerazzurri fanno girare bene il pallone e da sinistra arrivano fino a destra, con la palla che finisce nei piedi di Hakimi. Il terzino marocchino rientra e di sinistro, a giro, la mette sotto l’incrocio con la sfera che bacia la traversa prima di finire in rete.

L’Inter però fa l’errore di chiudersi troppo e così all’ 87′ la beffa, con Mancini che di testa trova il 2-2 su un angolo manovrato.

In breve

Dopo la pandemia, è il momento della “sindemia”: di che cosa si tratta?

Durante il congresso nazionale della Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia, a cui era presente anche il professor Massimo Galli, si...

Potrebbe interessarti