1.7 C
Milano
20. 01. 2021 08:37

Verso il nuovo Dpcm: ipotesi stop all’asporto dai bar dopo le 18.00

Più letti

Martina Luoni, la “Milanese del 2020”, si racconta: «Sto provando a vincere il buio»

«Buongiorno a tutti, per chi non mi conoscesse sono Martina, ho 26 anni e tre anni fa mi è...

Bollettino regionale, meno di 1.000 contagi in Lombardia: Milano, +139

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 930, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Il declassato Gallera torna in consiglio: «Sto recuperando le mie energie psico-fisiche»

Gallera torna in consiglio regionale per la prima volta nel 2021 e lo fa da semplice consigliere. Tra gli...

Anno nuovo, Dpcm nuovo. Il Governo si appresta a varare un nuovo provvedimento anti-Covid, con diverse novità che domani saranno discusse con le Regioni e mercoledì saranno illustrate al Parlamento dal ministro della Salute, Roberto Speranza. Il primo punto controverso è il nuovo parametro per la “zona rossa” che il Cts vorrebbe far scattare con 250 contagi a settimana su 100.000 abitanti.

Anticipazioni. Secondo quanto emerso alla riunione di oggi tra il premier Giuseppe Conte e i capidelegazione dei partiti della maggioranza di governo, l’orientamento è quello di vietare gli spostamenti anche tra le Regioni gialle. Non solo. Il nuovo testo potrebbe contenere un divieto per i bar (non per i ristoranti): stop all’asporto dopo le 18.00 per impedire assembramenti in strada. Resterebbe comunque consentita la consegna a domicilio. Rimarrebbe confermato il coprifuoco alle 22.00. C’è poi l’ipotesi di prorogare per tre mesi, fino al 30 aprile, lo stato d’emergenza in scadenza al 31 gennaio.

Luce. Tuttavia, ci sono almeno due misure che riguarderebbero le riaperture. La prima è sulla cultura: i musei potrebbero riaprire al pubblico almeno nelle zone gialle. Infine, si discute dell’istituzione di una “zona bianca” dove la vita riprenderebbe a regime senza limitazioni sulle attività economiche e commerciali. Ma per finire in quella fascia una Regione dovrebbe riportare un RT a 0,50 o 50 contagi a settimana su 100.000 abitanti (nessun territorio oggi presenterebbe questi parametri).

In breve

MIlano, all’asilo di via Massaua si battono i denti: condizioni inaccettabili per i genitori dei piccoli alunni

«Nella scuola di mio figlio c’erano appena 3 gradi: bambini e maestre dovevano indossare tutto il tempo sciarpa e...

Potrebbe interessarti