2.3 C
Milano
21. 01. 2021 09:47

L’allarme del Viminale: «Rischio infiltrazioni criminalità organizzata nella diffusione del vaccino anti-Covid»

Il report del Viminale evidenzia alcuni preoccupanti timori

Più letti

«Giornata dell’orgoglio della scuola», al Cremona docenti, studenti e genitori riflettono sulla scuola del futuro

Questa mattina studenti, genitori e docenti si sono ritrovati davanti all'istituto Cremona-Zappa a Milano per dar vita a quella...

Ricorso al Tar sulla zona rossa, il giorno dell’udienza: Fontana non molla

È sempre più scontro tra Regione e Governo. Ieri il ministro della Salute Roberto Speranza ha dichiarato la sua...

Bollettino regionale, leggero aumento di ricoveri nei reparti ospedalieri: Milano, +187 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 1.876, di cui 73 “deboli”, con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Il vaccino anti-Covid fa gola a molti, comprese le organizzazioni criminali che potrebbero sfruttare per ampliare il loro giro d’affari. A lanciare l’allarme è stato lo stesso Viminale.

Il report. L’allarme sul pericolo infiltrazioni è contenuto del report dell’organismo permanente di monitoraggio e analisi sul rischio di infiltrazione nell’economia da parte della criminalità organizzata di tipo mafioso, voluto dal Viminale.

«La prossima diffusione dei vaccini potrebbe costituire l’area di interesse dei gruppi criminali in funzione della elevata domanda e della fisiologica bassa offerta iniziale», si legge in una nota del report.

In breve

«Venite, ho sparato ad una persona in metro», lo scherzo finito male di un ragazzino milanese

Gli uomini del 118 hanno ricevuto una richiesta d'aiuto lo scorso lunedì: dall'altra parte del telefono qualcuno che affermava...

Potrebbe interessarti