auto in condivisione
auto in condivisione

Nuove facilitazioni in vista per chi arriverà a Milano da fuori città in auto: presto, infatti, basterà scaricare l’app di un gestore di car pooling accreditato presso il Comune ed essere più di uno a bordo di un’auto in condivisione per avere la sosta gratis in uno dei principali parcheggi di interscambio. E’ il senso del bando pubblicato da Palazzo Marino per cercare gestori di piattaforme telematiche.

Diventa così operativa la sperimentazione triennale finalizzata alla riduzione del numero di autovetture circolanti e delle emissioni inquinanti all’interno del territorio cittadino. La piattaforma informatica di car pooling permetterà di far incontrare la domanda e l’offerta di passaggi in auto attraverso la semplice registrazione da parte degli utenti. Un servizio particolarmente utile per chi, da un qualsiasi punto della città metropolitana, deve raggiungere un nodo di interscambio della metropolitana o dei principali mezzi di superficie.

COME FUNZIONA • Al bando possono partecipare i gestori del servizio di car pooling che attraverso una piattaforma telematica (App) attiva 24 ore su 24 sono in grado di mettere in contatto i conducenti dei veicoli e i passeggeri intenzionati a condividere un determinato spostamento.

Il car pooling è una modalità di trasporto già sperimentata su lunghi tragitti: chi decide di mettere a disposizione la propria auto per amici e colleghi che compiono lo stesso percorso per arrivare a Milano si registra alla piattaforma e ha a disposizione 51 stalli di sosta gratuita presso i parcheggi di interscambio di Quarto Oggiaro (10 posti disponibili) e Crescenzago (20 posti); sono tre i posti disponibili in ciascuno dei parcheggi di Caterina da Forlì, Famagosta, Cascina Gobba, Rogoredo, Molino Dorino e Maciachini (quest’ultimo al termine dei lavori di ristrutturazione attualmente in corso).

Il car pooling così come previsto nel bando consente la creazione di equipaggi in condivisione su autovetture immatricolate per trasporto persone con massimo nove posti compreso il conducente, esclusivamente private, che effettuano il medesimo spostamento senza finalità di lucro. Per la formazione dell’equipaggio varranno alcune condizioni imprescindibili: dovranno avere almeno un passeggero per il primo anno della sperimentazione e due passeggeri per gli anni successivi.

Per veicoli immatricolati per trasporto massimo di tre persone basterà avere un passeggero oltre al conducente per tutti e tre gli anni della sperimentazione (S1 della carta di circolazione rilasciata dal Ministero dei Trasporti). Non potranno registrarsi alla piattaforma veicoli benzina Euro 0, diesel Euro 0, 1, 2, 3, 4 senza filtro anti-particolato. I veicoli aderenti al car pooling saranno riconoscibili grazie a una vetrofania. Sul sito comune.milano.it ci sono tutti i dettagli per partecipare al bando.


www.mitomorrow.it