9.7 C
Milano
04. 03. 2024 01:40

Svaligiata la casa di Eiko Koga, presidente e Ceo di Mitsubishi Italia: bottino da 250.000 euro

Il furto è avvenuto nel tardo pomeriggio di domenica 2 dicembre

Più letti

Colpo grosso: ladri scappano con un bottino da 250.000 euro nel Quadrilatero della moda. All’interno di un sontuoso palazzo ottocentesco, con affacci su entrambe le prestigiose vie della Spiga e del Senato, è stato preso di mira uno degli immobili più esclusivi del quartiere del lusso.

Montenapoleone
Montenapoleone

Un bottino da 250.000 euro

Così com’è esclusivo il suo inquilino, si tratta di Eiko Koga, giapponese di 56 anni, presidente e Ceo di Mitsubishi Italia, che risiede in tale dimora insieme alla consorte di 41 anni. I ladri, che hanno avuto circa due ore per saccheggiare l’appartamento nel tardo pomeriggio di domenica, sono scappati con un bottino da 250.000 euro.

I ladri si sono diretti sulla cassaforte non ancora incassata

Il segnale d’allarme è stato dato intorno alle 19.00 dallo stesso Koga. Ai poliziotti delle volanti ha raccontato di essere appena tornato da una passeggiata con sua moglie. La coppia, uscita alle 17.00 senza attivare l’allarme, ha trovato la porta di casa aperta e l’appartamento messo sottosopra al loro ritorno. Gli intrusi – che hanno portato via un bottino da 250.000 euro – sono stati rapidi nel loro operato, concentrandosi su una piccola cassaforte attaccata al muro, non ancora incassata.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Bottino da 250.000 euro, l’inventario completo nei prossimi giorni

Koga ha fornito una breve lista degli oggetti mancanti, tra cui un orologio Cartier, un Rolex e circa venti gioielli, tra collier, anelli e bracciali appartenenti alla consorte. Al momento si parla di un bottino da 250.000 euro, ma un inventario più dettagliato sarà presentato in fase di denuncia, dopo un accurato controllo di eventuali altri mancati nelle altre parti della casa.

Già iniziata la caccia al ladro

Nella serata di domenica, le squadre forensi sono giunte in via della Spiga per effettuare un approfondito sopralluogo, cercando impronte digitali o tracce biologiche. Le telecamere interne dell’appartamento erano inattive, così come l’antifurto durante l’incursione. Sono state acquisite le immagini del palazzo dal circuito chiuso, a partire dalle quali gli investigatori inizieranno la caccia al ladro.

In breve

FantaMunicipio #21: tutto il fieno che va in cascina in città

Settimana ricca di incontri, di novità e di fieno in cascina in città. Sono in via di definizione gli...
A2A
A2A