5.3 C
Milano
29. 11. 2022 04:57

Rinasce anche un’ex area industriale nel quartiere Bovisa: investimento da 50 milioni

La realizzazione dell'intervento partirà a gennaio 2023 e si concluderà nel 2025

Più letti

A Milano, in un’area ex industriale riqualificata nel quartiere Bovisa, nascerà un nuovo polo tecnologico per la ricerca e la didattica che sarà ospitato nel nuovo campus del Politecnico. Un nuovo progetto per la Milano che verrà nel giorno in cui è stato annunciata anche la riqualificazione dell’ex Scalo Farini.

Quartiere Bovisa, nuovi investimenti: ecco il polo innovazione del Politecnico 

L’accordo per la riqualificazione del Gasometro 2 – Innovation Hub è stato presentato dal rettore del Politecnico, Ferruccio Resta, dal presidente lombardo, Attilio Fontana e dall’assessore alla Rigenerazione urbana del Comune di Milano, Giancarlo Tancredi. La realizzazione dell’intervento partirà a gennaio 2023 e si concluderà nel 2025 per un investimento di circa 50 milioni di euro, di cui circa 30 milioni stanziati dal Politecnico e circa 25 da Regione Lombardia. L’obiettivo è quello di ospitare nell’area circa mille startup, poi ci saranno le aziende, come Luxottica e i suoi laboratori. «La crescita della nostra università e della città ci costringono a pensare al futuro perché nei nostri spazi non ci stiamo più – ha spiegato il rettore del Politecnico Resta -. L’area su cui nascerà il nuovo polo è di circa 40 mila metri quadrati, con i due gasometri che rappresentano un passato industriale di Milano che non c’è più. Uno sarà dedicato allo sport e uno al mondo dell’innovazione e delle startup».

FantaMunicipio - Bovisa

Euforico anche il governatore di regione Lombardia Attilio Fontana: «Noi siamo al fianco delle università perché è un modo per guardare al futuro. Le risorse che abbiamo messo a disposizione sono 25 milioni complessivi. Credo che questo progetto sia anche un modo per dimostrare come vogliamo lo sviluppo nel segno della sostenibilità, ambientale e sociale».

In breve

FantaMunicipio #11: proposte per la città, ripensiamole tutti insieme

Sempre più cittadini si ritrovano in strada per discutere delle problematiche di alcune aree e per cavarne fuori idee...