29.1 C
Milano
13. 07. 2024 20:57

Mahsa Amini, in centinaia in piazza della Scala a sostegno delle donne iraniane

La protesta è proseguita a lungo e ha ottenuto l'approvazione e gli applausi dei milanesi presenti

Più letti

Canti tradizionali per invocare la libertà e la democrazia, urla per chiedere una rivoluzione pacifica, cartelli per denunciare le violenze del regime responsabile della morte della giovane Mahsa Amini: centinaia di donne iraniane, fra cui anche una piccola parte italiane e uomini, sono scese ieri pomeriggio in piazza della Scala a Milano.

Mahsa Amini, la protesta degli iraniani

All’iniziativa erano presenti anche diversi esponenti politici italiani fra cui il deputato appena eletto Riccardo De Corato, Emanuele Fiano, Carlo Monguzzi e Pierfrancesco Maiorino. Sui volti delle tante donne l’angoscia, la paura per i loro parenti, amici e connazionali ma anche quella forza inesauribile che porta a protestare contro le ingiustizie fino a quando la ragione e la giustizia vincono. La protesta è proseguita a lungo e ha ottenuto l’approvazione e gli applausi dei milanesi presenti.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

De Corato: «Perché Palazzo Marino in silenzio?»

«Quello che è accaduto a Mahsa Amini e sta accadendo in Iran è inconcepibile. – ha detto De Corato – Essere qui a manifestare al loro fianco, è il minimo. Eppure, Palazzo Marino continua a rintanarsi nel suo squallido silenzio. L’unica a spendere qualche parola di solidarietà è stata la capogruppo di Palazzo Marino. Per il resto, il nulla. A Milano le femministe e le figure istituzionali del Pd, così attente a declinare le loro cariche al femminile, scelgono la via del silenzio, che sta per assenso prima su tutte la vicesindaco Anna Scavuzzo».

In breve

FantaMunicipio #38: mai come quest’anno Milano da numero uno, vince il Municipio 1

In una agguerrita edizione del FantaMunicipio è il Municipio 1, quello del centro storico, guidato dal presidente Mattia Abdu...