5.4 C
Milano
23. 04. 2024 00:56

Milano città 30, Sala fissa l’obiettivo: «Entro agosto nelle strade con le scuole»

Il sindaco vuole anche chiudere il Quadrilatero "allargato", fino all’ultima parte di corso Venezia, al traffico privato

Più letti

Due grandi obiettivi entro il prossimo agosto, entrambi legati alla mobilità. Beppe Sala ha le idee chiare su cosa cambiare in città nei prossimi tre anni del suo secondo e ultimo mandato: a cominciare da una Milano città 30, almeno in parte. Intervistato dal Corriere della Sera, il primo cittadino ha parlato a lungo delle trasformazioni di Milano nell’immediato futuro.

Milano città 30 e Quadrilatero chiuso al traffico

«Entro agosto ho due obiettivi – ha detto il sindaco -: il primo è chiudere il Quadrilatero “allargato”, fino all’ultima parte di corso Venezia, al traffico privato. Non ancora un’isola pedonale, ma il traffico privato non potrà entrarci. Il secondo obiettivo è portare quante più strade dove ci sono scuole a 30 all’ora. Sono iniziative che daranno origine a polemiche ma noi andiamo avanti». Sempre nel Quadrilatero «si procederà a togliere qualunque parcheggio di superficie», pur concedendo esenzioni a «chi ha un garage, taxi e Ncc e il carico-scarico».

Beppe Sala ciclista investita, sicurezza a Milano, sindaco Sala

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Non solo Milano città 30, focus sulla sicurezza

Sala ha parlato anche delle altre problematiche che la città sta attraversando, uno su tutti la sicurezza: è in corso la trattativa con la polizia locale e i suoi rappresentanti sindacali per portare in strada più «ghisa» nei turni notturni e serali. «Ad oggi – spiega Sala – c’è un accordo che risale al sindaco Albertini e che tiene in considerazione la somma dell’età anagrafica del vigile e del numero di anni di servizio: quando si arriva a certo livello, i turni notturni e serali sono molto diradati».

Accordo contestato da Palazzo Marino: «Oggi la città non è quella del 2002: i turisti sono raddoppiati, Milano è molto più complessa e richiede una gestione diversa. Noi oggi assumiamo ma, mentre una volta i neoassunti erano giovani, oggi hanno in media 30 anni e quindi molto rapidamente, sommando età e età di servizio, dopo 10-15 anni di sere e notti ne fanno poche». Il dossier sui vigili è affidato a Franco Gabrielli, nominato delegato del sindaco alla Sicurezza: «Non sarà un confronto semplice ma questo è quello che c’è da fare per portare più vigili in strada».

In breve

FantaMunicipio #26: come tanti Ciceroni fai da te, alla scoperta di alcuni angoli di quartiere

Quante volte camminiamo per la città, magari distratti o di fretta, e non ci accorgiamo di quello che ci...