17.6 C
Milano
13. 04. 2024 01:31

Sciopero Atm venerdì 10 novembre, comunicati gli orari e le fasce di garanzia

Una possibile giornata di caos si prospetta per il prossimo 10 novembre a Milano

Più letti

Una possibile giornata di caos si prospetta per il prossimo 10 novembre a Milano, con lo sciopero Atm che potrebbe influire negativamente sulla circolazione di autobus, tram e metropolitane. L’agitazione, indetta dal sindacato Al Cobas, durerà l’intera giornata di venerdì.

Sciopero Atm, gli orari

La società di trasporto pubblico milanese ha confermato che i dipendenti potranno scioperare dalle 8:45 alle 15:00 e dalle 18:00 fino alla fine del turno. Due fasce orarie di garanzia sono state previste per limitare i disagi ai passeggeri: i mezzi circoleranno regolarmente dalle prime ore del mattino fino alle 8:45 e tra le 15:00 e le 18:00.

Sciopero dei mezzi a Milano oggi, Mezzi pubblici, Mezzi pubblici, sconti del 50% sui biglietti in occasione di manifestazione e convegni
Sciopero dei mezzi a Milano oggi

Sciopero Atm, motivazioni

Lo sciopero è stato proclamato con l’obiettivo di contrastare la liberalizzazione, la privatizzazione e le gare d’appalto dei servizi al momento gestiti dal Gruppo Atm e di promuovere la riinternalizzazione del trasporto pubblico locale appaltato o subappaltato. Inoltre, si protesta contro il progetto “Milano Next”, il quale prevede la trasformazione di Atm in Azienda Speciale del Comune di Milano e l’affidamento diretto in house dei servizi, nonché la loro gratuità.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Sciopero Atm, le richieste

Si richiede il ripristino del distanziamento tra conducenti e passeggeri e l’inibizione dell’accesso dalla porta anteriore per la salita e la discesa dei passeggeri. Si esige la pulizia, l’igienizzazione e la sanificazione regolare dei veicoli e degli ambienti e la tutela della sicurezza dei lavoratori esposti ad atti aggressivi, fornendo sistemi di protezione passivi. Si chiede la concessione del diritto alle ferie per il personale viaggiante, la creazione di piani aziendali di assunzione e di trasformazione dei contratti a tempo parziale e un aumento netto di €150 per tutti i lavoratori, per compensare gli insoddisfacenti aumenti dei contratti nazionali. Inoltre, vi sono altre questioni di carattere aziendale, come l’indennità ferie, i turni particolari e il vestiario, che necessitano di attenzione.

In breve

FantaMunicipio #26: come tanti Ciceroni fai da te, alla scoperta di alcuni angoli di quartiere

Quante volte camminiamo per la città, magari distratti o di fretta, e non ci accorgiamo di quello che ci...