-1.1 C
Milano
19. 01. 2021 00:43

Giochi Olimpici 2026, il no di Calgary spiana la strada?

Più letti

A Milano iniziano a fioccare le multe dopo la fronda dei ristoratori di #ioapro

I titolari e i clienti che hanno infranto le regole lo scorso venerdì aderendo alla campagna #ioapro non la...

Fontana: «Tra stasera e domani il ricorso. Sono convinto che la Lombardia sia arancione»

Il governatore Fontana torna ad attaccare il governo sulla questione zona rossa. «I nostri avvocati hanno predisposto il ricorso...

Prese in ostaggio una guardia giurata nel Duomo: l’esito della perizia psichiatrica

Mahmoud Elhosary, il 26enne che quest'estate, il 12 agosto scorso, fece irruzione al Duomo prendendo in ostaggio una guardia...

Calgary ha detto no, come fece Roma qualche anno fa: i Giochi Olimpici non s’hanno da fare. La sfida a tre per ospitare la rassegna a cinque cerchi 2026 sta per diventare (lo sarà lunedì) una corsa a due tutta europea, Milano-Cortina contro Stoccolma, il rilancio italiano o la storica scelta svedese. Diciamolo: quella che sta per uscire di scena non è l’avversaria più pericolosa. Il ritorno nel Vecchio Continente era nell’aria e se la Svezia risolverà i suoi guai (il governo locale non vuole l’evento, quello nazionale non si è ancora formato dopo le ultime elezioni) vincere non sarà semplice. La strada migliore per avere delle chance è non gioire delle disgrazie altrui e concentrarsi sul risolvere le proprie.

Da Stoccolma arriva un esempio sul modus operandi: anche senza l’appoggio della politica la candidatura sta andando avanti, almeno per ora. L’Italia potrebbe dover fare lo stesso, con soldi privati e schivando quelle stesse mine vaganti che portarono alla distruzione del progetto Roma 2024. Il 28 novembre ci sarà un primo, importante step: nel giorno del Consiglio Esecutivo dell’Anoc (l’Associazione dei Comitati Olimpici Nazionali) a Buenos Aires il Coni presenterà nuovamente le proprie carte. Ci sarà anche il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, assieme al Presidente del Veneto, Luca Zaia. Si discuterà anche di quelli che sono i rilievi fatti dai tecnici del Cio in questi giorni. Bisognerà essere convincenti per alimentare un sogno sempre più vivo.

In breve

Scuola, non solo i licei: zaini e striscioni contro la DAD anche alle medie

Zona rossa significa che gli studenti di seconda e terza media da oggi tornano a fare didattica a distanza....

Potrebbe interessarti